Quantcast

Lupi Biancorossi “Il volley a Piacenza non può finire”

Più informazioni su

Dopo l’appello lanciato dal presidente di Wixo Lpr Roberto Pighi, al Palabanca, per trovare nuovi sponsor in grado di supportare la squadra, ora interviene la tifoseria. I Lupi Biancorossi scrivono una lettera aperta alla città.

Cara Piacenza,

hai sentito ieri l’appello del nostro presidente onorario Roberto Pighi? Hai sentito la calorosa risposta del tuo pubblico sulle note della fanfara degli alpini, l’ennesima a livello numerico e di passione dei tuoi tifosi?

“Perdere la pallavolo a Piacenza sarebbe un autogol che non accetterò fino all’ultimo secondo”, ha detto Roberto. Quelle parole risuonano nelle nostre orecchie da ieri pomeriggio. E noi innanzitutto non possiamo che ringraziarlo per il discorso di ieri e, soprattutto, per lo sforzo che in questi ultimi anni ha permesso di tenere viva questa realtà. Se non fosse stato per lui, probabilmente, oggi la nostra realtà avrebbe già chiuso i battenti.

Oggi però si torna a parlare di “perdere la pallavolo a Piacenza” e non riusciamo a pensare alla domenica senza di te, senza i tuoi colori, senza i nostri cori e le nostre coreografie guidate solo dalla passione verso di te. Lo abbiamo detto in passato e lo ribadiamo oggi più forte che mai: TUTTO QUESTO NON PUÒ FINIRE. Ti ricordi i quasi 1000 del PalaDozza, cara Piacenza, un palazzetto colorato di bianco e rosso, la coppa portata a casa? E ti ricordi la rimonta di Trento, lo scudetto, il primo trofeo italiano che abbiamo riportato in una piazza Cavalli in delirio? Ti ricordi quante emozioni abbiamo vissuto insieme, quante lacrime dolci di gioia ed amare di delusione? Perché questo non finisca ci uniamo all’appello del nostro presidente Pighi rivolto a te, cara città, ed in particolare alle tue energie migliori in campo imprenditoriale: fatevi avanti, non ve ne pentirete! Lo spettacolo che sa regalare il PalaBanca, l’affetto che sa sprigionare e la passione che si respira sono unici. La realtà di Piacenza ha una storia che non merita di finire oggi!

E proprio per questo vogliamo chiudere questo appello rivolgendoci anche noi a chi oggi ti amministra, cara Piacenza. Ci rivolgiamo alla sindaca Barbieri, all’assessore allo sport Polledri, alla giunta ed al consiglio comunale tutto: battete un colpo! Quest’estate apprezzammo tantissimo il repentino intervento della sindaca nella questione PalaBanca. Ora chiediamo lo stesso slancio per salvare quella che è da qualche anno la più bella realtà sportiva della nostra provincia.

Questa passione non può e non deve finire, cara Piacenza! Noi saremo ancora al tuo fianco, mai stanchi dei nostri colori, a gridare più forte che mai: FINO ALLA FINE, FORZA PIACENZA!

I tuoi Lupi Biancorossi

L’EX SINDACO DOSI: “IL COMUNE STIA VICINO ALLA SOCIETA'” – “È evidente che un’amministrazione comunale non può intervenire direttamente, con fondi propri, nel sostegno ad una realtà sportiva. Ma è altrettanto evidente che può fare qualcosa: può interessarsi, partecipare, sollecitare realtà economiche del territorio, intrattenere rapporti utili a costruire un progetto che investa sullo sport come veicolo di coinvolgimento e di crescita del territorio”.

Così l’ex sindaco di Piacenza Paolo Dosi interviene sul futuro del volley a Piacenza con un post su Facebook.   “Può far sentire – prosegue – il calore e la preoccupazione di un intero territorio per una società che ha investito su una grande squadra e su un settore giovanile capace di coinvolgere, negli anni, migliaia di ragazzi in attività sportive sane. È quello che hanno cercato di fare le amministrazioni precedenti, ed è quello che occorre tentare di fare adesso. Il grazie, oltre a Guido Molinaroli e Roberto Pighi, va anche a Luciano Arici e ai tanti che, in modi diversi, hanno sostenuto questa esemplare esperienza sportiva”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Lorenzo

    …c’era una volta dove qualcuno cantava “PIANGE…IL TELEFONO”…dopo l’affitto Palazzetto, adesso occorre ANCORA salvare il volley..ogni momento è opportuno per PIANGERE.
    ..Il sig Cerciello, dimostrando DIGNITA’, se ne è andato senza chiedere nulla a nessuno!
    Signori belli…se non ci sono le capacità economiche…CIAO CIAO…la città ha ben altri problemi del volley…
    Basta con sti piagnistei!
    Volete rappresentare la città in Italia…chiedendo ogni 2 sec aiuto!
    C’e qualcuno che ha scritto “Meglio morire in piedi che vivere in ginocchio”.