Quantcast

Il Pontedera testa le prove di risalita biancorossa

Più informazioni su

Prova a raccogliere i cocci di una sconfitta grave come quella di Grosseto il Piacenza, che affronta domenica
(si gioca alle 16.30) il Pontedera per quella che può essere definita l’ennesima prova di continuità e risalita. I biancorossi finora non si sono schiodati da un’altalena di risultati con ripercussioni su una classifica ancora non soddisfacente ed in linea con le previsioni.

Settimana difficile e particolare per Franzini, che ha incassato la piena fiducia della società ma ha subìto una nuova contestazione da parte di una frangia del tifo organizzato che gli imputa di aver perso parte del controllo dello spogliatoio; probabile contro il Pontedera qualche cambio di formazione, considerato anche l’assenza di Pesenti e la non perfetta condizione di altri interpreti, soprattutto della mediana.

Il Pontedera arriva al Garilli dopo il buon pareggio in Coppa Italia ad Alessandria e si trova in piena zona salvezza a solo un punto dalla quota play-off; l’esordiente Ivan Maraia ha costruito una formazione giovane con appena tre over (Maritato, Caponi e Rossini) in mezzo ad una nidiata di giovani. Particolare l’andamento in trasferta, senza pareggi ma con 4 vittorie e 7 sconfitte con l’ultima perla dell’affermazione di Livorno che ha riportato i granata fuori dalla zona rossa candidandoli a sorpresa del girone. Il tutto nonostante una delle peggiori retroguardie del campionato, con 38 reti al passivo (solo Prato e Gavorrano hanno fatto peggio).

Nel 3-5-2 dei toscani spazio a Contini in porta (vero eroe della partita di andata vinta per 3 a 0), difesa a tre
con Frare, Rossini e Risaliti; centrocampo a 5 con Tofanari e Corsinelli esterni ed il trio Gargiulo, Caponi e
Calcagni in mediana dietro alla coppia Maritato-Raffini (o Pinzauti).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.