Quantcast

Rancan (Lega) “Propaganda politica al liceo Gioia”

Episodi di propaganda politica nelle scuole a ridosso della campagna elettorale, dai giudizi schierati di alcuni docenti alla raccolta firme contro l’apertura di una sede di partito. E’ quello che sarebbe successo all’interno del liceo Melchiorre Gioia di Piacenza secondo il consigliere regionale della Lega Nord Matteo Rancan, che in un’interrogazione alla Giunta chiede di fare luce su quanto accaduto per evitare che situazioni analoghe possano ripetersi all’interno di un istituto scolastico pubblico.

L’esponente del Carroccio riporta alcuni fatti che si sarebbero verificati nel liceo piacentino: nell’ultimo mese (in piena campagna per le elezioni nazionali) sarebbero stati riportati chiari giudizi di natura politica e partitica da parte di alcuni docenti, e sarebbe stata promossa una raccolta firma all’interno della scuola contro l’apertura della sede di un “partito regolarmente e legalmente partecipante alla competizione elettorale democratica (nei pressi del liceo è stata inaugurata, nelle scorse settimane, la sede di Casapound, ndr).

“Le istituzioni scolastiche di qualsiasi ordine grado- sottolinea il consigliere leghista- dovrebbero garantire l’imparzialità politica e la diffusione dei principi democratici che reggono la vita pubblica del nostro paese. Le scuole dovrebbero promuovere il confronto e il rispetto delle diverse idee, senza giudizi o stereotipi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Ettore

    Fantastico,
    la nota del consigliere è chiara e precisa:
    dobbiamo garantire la diffusione dei principi democratici,il confronto ed il rispetto delle idee, senza pregiudizi o stereotipi.
    Apriamo quindi sedi di Casapound nelle scuole al più presto,
    seguite poi da sedi di Forza Nuova, note associazioni politiche democratiche, improntate al confronto e senza pregiudizi razziali.
    E’ veramente incredibile e triste per la nostra città avere
    simili personaggi in Consiglio Comunale.