Quantcast

“Si vieti ai neofascisti di presentarsi alle elezioni” Manifestazione e appello al prefetto

E’ confermata per sabato 10 febbraio a Piacenza la manifestazione “per l’affermazione dei principi democratici e antifascisti”, decisa da una riunione alla quale “sono intervenuti i rappresentanti locali delle forze democratiche, che hanno sottoscritto a livello nazionale il documento “Mai più fascismi”, integrato con la necessaria precisione finale riguardante la situazione locale di Piacenza”.

Ne danno informazione i promotori, facendo riferimento alla recente apertura di una sede di un’associazione di chiara ispirazione fascista a pochi passi dalle scuole della città.

“Una volta per tutte, si applichino pienamente la XII Disposizione della Costituzione, la Legge Scelba e la Legge Mancino. Si vieti ai neofascisti di presentarsi alle elezioni e vengano sciolte le loro organizzazioni”, sostengono i promotori dell’appello.

“Chiediamo a cittadine e cittadini responsabilità e fedeltà alle radici e alle ragioni della convivenza civile. Il fascismo è un crimine e non deve ripetersi più” scrivono nell’appello gli aderenti che, al momento, a livello locale, sono Anpi, Anpc, Arci, Cgil, Cisl, Uil, Auser, Atomo-Arcigay, Libera, Liberai e Uguali, Partito Democratico, Potere al Popolo, Uds Emilia-Romagna, Link, Acli Piacenza, Non Una di Meno”.

Appuntamento alle ore 10.30 nei pressi del Liceo Scientifico di via Genova, e dopo la sottoscrizione del documento Mai più Fascismi, che si conclude con la petizione rivolta al Prefetto di Piacenza, è previsto il trasferimento al Monumento alla Resistenza – Dolmen, per la posa di un omaggio floreale.

Infine trasferimento dei partecipanti in Piazza Tempio, di fronte palazzo del Governo dove prenderà la parola il Presidente provinciale dell’ANPI, Stefano Pronti, in rappresentanza di tutti i soggetti aderenti. E’ stato richiesto un incontro di una delegazione con il Prefetto di Piacenza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.