Quantcast

Trasporto disabili, dalla Pellegrina l’appello sul web: “Sogniamo un pulmino”

“Vengo anch’io”. Con questo desiderio espresso dagli ospiti della casa accoglienza malati di aids “Don Venturini” di Piacenza,  l’associazione “La Ricerca” ha battezzato un nuovo progetto di raccolta fondi su Internet.

“Abbiamo un sogno: un pulmino tutto nostro per poterci muovere come le altre persone”. L’obiettivo è raccogliere 14.000 euro, somma necessaria per attrezzare per loro un automezzo per il trasporto disabili.

Si tratta della prima esperienza che l’associazione sta sperimentando di  crowdfunding, termine inglese con cui si indica la raccolta di donazioni online a favore di progetti d’utilità sociale ideati e gestiti da organizzazioni non profit.

Su un apposito portale, denominato più precisamente piattaforma, viene presentato il progetto con  illustrate tutte le informazioni  e le modalità necessarie per poter effettuare la donazione (si parte da un minimo di 10 euro). Basta un clic.  La piattaforma a cui si è affidata l’associazione “La Ricerca” si chiama Rete del Dono (anche sull’homepage del sito www.laricerca.net è possibile trovare una finestra su cui cliccare per accedere direttamente alla pagina del crowdfunding pro-pullmino).

Finora per assicurare agli ospiti della “Pellegrina” almeno gli spostamenti a lunga distanza, “La Ricerca” ha utilizzato il pulmino che da circa quindici anni viene condiviso da tutte le strutture che gestisce sul territorio. Di qui il tentativo di provare ad acquistarne uno ad hoc con l’auspicio di poter ricevere sostegno finanziario per attrezzarlo.

“Per noi – si legge nel messaggio che gli ospiti della casa hanno lanciato online – pullmino significa libertà, la libertà di potersi muovere come gli altri. Abbiamo problemi di salute, tali da complicare anche le cose più semplici, alcuni di noi sono costretti sulla sedia a rotelle…ma l’aids che ha ferito la nostra esistenza, non ha spento il nostro attaccamento alla vita, il nostro bisogno di vita, i nostri interessi, le necessità quotidiane, le passioni, la voglia di stare insieme agli altri.

Abitiamo alle porte di Piacenza, in località Pellegrina (strada Agazzana 68), nella casa “Don Venturini”, dove l’associazione “La Ricerca” accoglie e si prende cura di persone come noi malate di aids, una grande famiglia fatta da bravi educatori professionali, operatori socio-sanitari, infermiere, volontari.

Il problema è che non abbiamo alcun mezzo attrezzato adeguatamente per  il trasporto delle persone in carrozzella. Quindi per esigenze vitali, come le periodiche visite mediche, dobbiamo per forza sempre richiedere accompagnamenti a pagamento, che sono a nostro carico, un carico che pesa sulla pensione di invalidità, specie nei periodi in cui bisogna recarsi spesso anche in ospedale.

Quanto al resto della nostra quotidianità, senza un mezzo adeguato, siamo giocoforza costretti a limitare le uscite apparentemente meno necessarie, ma per noi altrettanto importanti perché ci consentono di fare vita di comunità, come recarsi in città o nel paese più vicino per bere un caffè al bar in compagnia…”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.