Quantcast

Vaccini, Murelli (Lega): “Scelta informata e proroga a scadenza 10 marzo”

Più informazioni su

Nota stampa

«Sui vaccini credo nella libera scelta, ma questa deve essere bene informata. Il sistema sanitario dovrebbe comportarsi come hanno fatto la Regione Lombardia o la Regione Veneto. Preferisco sensibilizzare piuttosto che imporre. Una ricerca lombarda su 800 mamme ha mostrato dati preoccupanti: il 26% non ha “idee chiare sui vaccini”; il 45% ha “qualche preoccupazione sulle possibili conseguenze dei vaccini”; il 26% afferma che “le vaccinazioni sono molto più pericolose di quanto ci fanno credere” e soprattutto per il 57% i media nascondono qualcosa sui vaccini.».

Lo afferma Elena Murelli, candidata alla Camera per la Lega, nel listino proporzionale, nel collegio Piacenza-Parma-Reggio.

«Si avvicina la scadenza del 10 marzo – riprende Murelli – prevista dal decreto legge sulla prevenzione vaccinale, come termine ultimo per la consegna da parte delle famiglie alle scuole della documentazione che attesti le vaccinazioni richieste o effettuate ai propri figli. Ai bambini va garantita la continuità educativa. Riconosco il primario interesse di tutelare la salute e l’igiene pubblica e sostengo che l’allontanamento improvviso dei minori dalle scuole possa avere ripercussioni negative sulla crescita personale e sociale. Chiedo quindi ai sindaci di far sentire la propria voce e al ministero della Salute di prorogare ufficialmente il termine previsto per i bambini non ancora vaccinati».

Secondo Murelli «il sistema sanitario dell’Emilia-Romagna e non solo debba investire su una divulgazione delle opportune informazioni sulla profilassi vaccinale – come con il portale on line wikivaccini.com in Lombardia – in modo che le famiglie possano effettuare le opportune valutazioni nei confronti della salute dei propri figli».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.