PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Bis di bronzo ai Campionati Italiani per Simone Boiocchi

Ancora una volta Simone Boiocchi stupisce tutti ai Campionati Italiani indoor FISDIR. Sabato 17 marzo, all’interno del palaindoor di Ancona, è andata in scena la prima giornata di gare.

A competere con Boiocchi erano presenti i migliori atleti di categoria di tutta Italia. Il giovane dell’Atletica Piacenza ha ottenuto subito un’eccellente prestazione nella batteria di qualificazione: il suo tempo di 7”98 lo ha proiettato direttamente in finale. In questa, complice forse l’emozione, ha inciampato durante la fase di accelerazione, di fatto compromettendo il tempo, ma non la gara, chiusa con il bronzo tricolore e il comunque ottimo riscontro cronometrico di 8”08.

Il giorno seguente, è stata la volta dei 200m: nel giro di pista indoor, Simone ha sbriciolato il suo record personale di 25”89 risalente all’anno precedente, con una volata da 25”51 nella qualificazione, di fatto una formalità per lui. In finale, dopo soltanto un’ora dall’importante sforzo muscolare e nervoso, si è ripetuto sui suoi limiti, migliorando di un ulteriore centesimo e chiudendo di nuovo al terzo posto con il tempo di 25”50.

Simone, classe 1994, all’inizio era un ragazzino timido e chiuso, ma ha trovato nell’Atletica Piacenza un luogo di incontro e accoglienza, pieno di persone che ne hanno valorizzato non solo le potenzialità sportive, ma anche quelle relazionali: grandissimi meriti vanno riconosciuti in quest’opera a Sergio Mazzocchi, accompagnatore del ragazzo, e a Fabrizio Dallavalle, tecnico del settore velocità del sodalizio guidato da Diego Sverzellati. Il loro compito è sicuramente stato facilitato dalla determinazione, dalla voglia di fare, dall’entusiasmo contagioso che Simone ha saputo maturare in questi prolifici anni di attività sportiva. Sono infatti ormai diverse stagioni agonistiche che il biancorosso è ai vertici nazionali nelle gare di velocità.

Non si ferma dunque l’appassionante avventura di un ragazzo che ha trovato nello sport dell’atletica la sua dimensione e un modo privilegiato di vivere bellissime esperienze.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.