Una geografia del voto: Val Nure a destra, consenso omogeneo di M5s, Pd “tiene” in città

Più informazioni su

Val Nure schierata a destra, soprattutto nella fascia più alta da Bettola in su. Il centrosinistra che incassa una sconfitta meno netta in Val Trebbia e nel capoluogo Piacenza.

Movimento 5 Stelle che si conferma seconda forza provinciale con un consenso distribuito in maniera piuttosto omogenea con qualche “debolezza” in più in montagna: il range va da un massimo del 28 % (a Ottone) a un minimo di 13 % (a Farini).

E’ l’analisi geografica del voto alle politiche del 4 marzo che abbiamo svolto spulciando le percentuali alla Camera e al Senato.

Il neodeputato del centrodestra Tommaso Foti vince in 44 comuni su 46, spesso con percentuali superiori al 50 % (ricordiamo che ha ottenuto il 47,38 %). Le performance migliori sono in alta Val Nure: nei comuni di Farini (62,79%) e Ferriere (61,32%); segue Morfasso (60,23%).

Filippo Ghigini del Movimento 5 Stelle si piazza al secondo posto in 40 comuni su 46 della provincia, e gli exploit migliori li consegue a Ottone (28,64%), Rottofreno (28,25%) e Zerba (28,12%).

Nel comune dove ricopre il ruolo di sindaco la candidata dem Patrizia Calza, Gragnano Trebbiense, guadagna la percentuale migliore (27,76%).

I comuni dove Calza supera il Movimento 5 Stelle e va meglio sono Bobbio (26,34%) e Piacenza (24,66%). Il primo posto arriva soltanto nei comuni di alta montagna di Cerignale e Zerba.

Non molto diverso l’andamento del voto al Senato nei comuni piacentini del collegio (che comprende anche una porzione della provincia di Parma).

I comuni in cui il neosenatore del Carroccio Pietro Pisani ha ottenuto più voti sono Farini (62,94%), Ferriere (61,56%) e Besenzone (60,95%).

Pierluigi Baronio, candidato a 5 Stelle, si colloca al secondo posto in 40 comuni su 46, con maggiore consenso nei comuni di Ottone (28,14%), Gossolengo (27,57%) e Rottofreno (27,55%).

La dem Paola Gazzolo scavalca Baronio piazzandosi al secondo posto nei comuni di Zerba (36,36%), Piacenza (24,45%) e Monticelli d’Ongina (22,67%), guadagna il primo posto soltanto a Cerignale (50,00%) mentre a Zerba pareggia il conto con Pisani (12 voti a 12).

Per quanto riguarda le liste dei partiti, i comuni con la maggior percentuale di voti alla Lega sono Farini (42,70%), Morfasso (38,32%) e Besenzone (36,24%).

Per quanto riguarda il M5S, si nota che il numero minore di voti si ha nei comuni di Morfasso (16,16%), Ferriere (15,47%) e Farini (13,53%).

Il Pd vede invece il maggior numero di consensi nei comuni di Zerba (32,25%), Monticelli d’Ongina (21,22%) e Sarmato (20,44%), mentre ha riscosso il minimo dei voti a S. Pietro in Cerro (11,75%), Besenzone (9,65%) e Bettola (9,47%).

In allegato (dal sito della Prefettura) pubblichiamo i risultati nella nostra provincia comune per comune

CAMERA

SENATO

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.