Tra innovazione e tradizione, torna il Festival dell’Anolino a Fiorenzuola

Più informazioni su

Dopo il debutto dello scorso anno, sabato 10 e domenica 11 marzo torna a grande richiesta in piazza Caduti il Festival dell’Anolino di Fiorenzuola (Piacenza) con una seconda edizione ancora più ricca di proposte.

L’evento è organizzato dall’Associazione Vetrine in Centro Storico e dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con Chef To Chef e, da quest’anno, anche con l’agenzia di Comunicazione Blacklemon oltre al supporto dei ragazzi dell’Istituto Professionale Alberghiero Raineri-Marcora e al contributo della Regione Emilia Romagna e della Camera di Commercio. La due giorni vedrà scendere in campo ben 8 ristoratori del territorio che proporranno ogni sera la propria versione del “re” delle paste ripiene, l’anolino: dalle ricette con ripieno di carne, a quelle con ripieno di formaggio, senza scordare anche le varianti senza glutine, ce ne sarà davvero per tutti i gusti.

Ad allargare gli orizzonti territoriali del Festival, si conferma anche quest’anno la prestigiosa partecipazione di Chef To Chef che domenica a pranzo darà la possibilità di degustare, oltre all’anolino, anche altre quattro paste ripiene, interpretate dalle sapienti mani di chef provenienti da tutta l’Emilia Romagna. Ogni servizio sarà accompagnato da una variegata selezione di vini delle cantine del Territorio, oltre alla tradizionale “investitura” con le sue salse di verdure e dolci artigianali.

Fiorenzuola, una delle 12 “Città della Gastronomia”della Regione, apre quindi le porte a tutti gli appassionati e i curiosi, per un Festival all’insegna del gusto, tra gastronomia, degustazioni di vini, approfondimenti, mercatini e negozi aperti.

Ecco qui di seguito, nel dettaglio, l’articolato programma del Festival dell’Anolino 2018 che quest’anno prevede, nella giornata di domenica, anche due momenti di approfondimento e di confronto con gli ospiti di Chef To Chef.

LE PROPOSTE DI SABATO SERA – (In PiazzaCaduti)
– Anolini con ripieno di formaggio, anche nella versione senza glutine – LOCANDA SAN FIORENZO (locale rete A.I.C.)

– Anolino con ripieno di carne – DON ALFREDO’S

– Anolino con ripieno di formaggio, anche nella versione senza glutine – ARTCAFFE’ (locale rete A.I.C.)

– Anolino con ripieno di formaggio – AGRITURISMO BATTIBUE

– Anolino con ripieno di formaggio – PASTA & CO

– Anolino con ripieno di formaggio – MATHIS

LE PROPOSTE DI DOMENICA A PRANZO – CHEF TO CHEF (in piazza Caduti)
– Anolini in vellutata di funghi e cubetti croccanti di goletta piacentina, proposto dallo chef Filippo Chiappini Dattilo di Piacenza

– Borse pine amoliate et lakte et croco (un originale piatto del XIV secolo, con formaggio e carne di maiale, in brodo, con l’aggiunta di latte e zafferano e una fetta di pane tostato appena toccato d’aglio) proposto dal decano degli chef Silverio Cineri di Faenza

– Cappelletti con l’anguilla selvaggia in brodo speziato, rivisitati da Pier Luigi Di Diego di Ferrara

– I tradizionali Tortellini in brodo di Cappone, presentati da Emilio Barbieri di Modena

– L’Anolino della Val D’Arda tartufato con salsa al Parmigiano e Asparago piacentino, presentato dallo chef di casa Claudio Cesena di Fiorenzuola.

– Anolino dolce della Pasticceria Mera
 
LE PROPOSTE DI DOMENICA SERA – (In piazzaCaduti)
– Anolino con ripieno di carne – DON ALFREDO’S

– Anolino con ripieno di carne – LE PROPOSTE

– Anolino con ripieno di carne – L’ANGOLO DELLE DELIZIE

– Anolino con ripieno di formaggio, anche nella versione senza glutine – ARTCAFFE’ (locale rete A.I.C.)

– Anolino con ripieno di formaggio – AGRITURISMO BATTIBUE

– Anolino con ripieno di formaggio – PASTA & CO

SEMPRE DISPONIBILI 
 – La tradizionale “investitura” di maiale del salumificio La Coppa con la salsa di verdure cotte fornita da un Un Mondo di Frutta.

– I dolci: il “Buslan” di Fiorenzuola, fornito da Il Vecchio Forno del Ponte di Antonio Barbieri – la crostata con marmellata di prugne, fornita dalla ditta L’Angolo della Pasta di Arianna Cavozzi – la crostata con marmellata di albicocche, della ditta Gandolfi Enrico – la Sbrisolona senza glutine di ArtCaffé

VINI SABATO E DOMENICA SERA
Gutturnio Frizzante Baraccone 
Gutturnio Superiore Bio Illica
Sauvignon Frizz. Bianco La Buca 
Cabernet Sauvignon La Tollara 
Gutturnio Frizzante Manzini 
 
VINI DOMENICA A PRANZO
Ortrugo DOC 2016 Valla 
Gutturnio Frizz. DOC 2016 Valla 
Rosso Fermo IGT 2015 Lusenti
Ortrugo Fermo DOC 2016 Lusenti
Malvasia Dolce 2017 Lusenti

INCONTRI E APPROFONDIMENTI

Domenica 11 marzo, ore 10.30 – presso il capannone Ristorante
“ACQUE E FARINE: TIPICITA’ REGIONALI IN FILIERA”
parteciperanno:
Massimo Spigaroli (presidente Chef To Chef) Bruno Orzi del Molino Grassi di Parma, lo Chef Claudio Cesena, Lara Gandolfi della torneria per pasta Ga.Ri.; Coordina il professor Davide Cassi, dell’Università di Parma.

Domenica 11 marzo, ore 15.30 – presso il capannone Ristorante
INCONTRO “GLI CHEF RACCONTANO”
Conduce: Giulia Golino, food-blogger
Ospite: Silvana Chiesa, docente di storia e cultura dell’alimentazione
Un momento di incontro per chiacchierare con gli chef e scoprire i “segreti” delle loro ricette.

FIORENZUOLA CITTA’ DELLA GASTRONOMIA – Fiorenzuola d’Arda è una delle 12 “Città della Gastronomia” dell’Emilia Romagna. Città che, sotto la regia e gli input dell’associazione Chef to Chefemiliaromagnacuochi, hanno scommesso su progetti di crescita collettiva della qualità gastronomica nelle proprie comunità, sulla base dei principi della “cucina d’autore”, che implica un atteggiamento di continua innovazione in un settore strategico per l’economia del nostro territorio. Oltre a Fiorenzuola d’Arda le altre “Città della Gastronomia” sono (da sud a nord della regione): Cesenatico (FC), Roncofreddo (FC), Bagno di Romagna (FC), Russi (RA), Argenta (FE), Bologna, Valsamoggia (BO), Bomporto (MO), Parma (dal 2015 “Città Creativa per la Gastronomia UNESCO”), Polesine Zibello (PR), Borgonovo Val Tidone (PC). 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.