PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Con lo smartphone contro il degrado urbano, passa la proposta M5s

Con lo smartphone contro il degrado urbano.

Attraverso una piattaforma software che può consentire ai cittadini di segnalare le buche sulle strade o una panchina pubblica danneggiata – in tempo reale – all’amministrazione comunale.

LA DIRETTA DELLA SEDUTA DEL CONSIGLIO COMUNALE

Il cittadino può fare una segnalazione inviando una foto e la geolocalizzazione del problema, e monitorare successivamente se la propria richiesta viene soddisfatta o meno.

Come avviene già in maniera stabile con il cosiddetto “citizen journalism” sui portali web di informazione locale come PiacenzaSera.it da una decina d’anni.

E’ la proposta avanzata a Palazzo Mercanti dai consiglieri M5s di Piacenza, Sergio Dagnino e Andrea Pugni, che hanno presentato una mozione in consiglio comunale approvata all’unanimità. La piattaforma proposta è quella di Decoro Urbano, ma i consiglieri 5 stelle hanno precisato che potrebbe essere adottato anche un sistema omologo e personalizzato.

“Il cittadino vive una sorta di impotenza – ha fatto notare il consigliere Dagnino – a fronte di problemi di decoro urbano che riguardano non solo le periferie ma anche il centro della città Parlando di decoro urbano, la nostra città vive in una situazione difficile, con una mancata manutenzione ordinaria da tanti anni. Questo sistema potrebbe essere un supporto importante”. “E’ un sistema già adottato dal Comune di Pontedellolio” – ha fatto notare Dagnino.

“E’ un intento condivisibile, quello della mozione a 5 Stelle – è stata la risposta dell’assessore Paolo Garetti, che precisa: “Ci stiamo lavorando da settembre”. “Ma un ufficio come quello manutenzione già in grave sofferenza di personale, oggi sarebbe messo in difficoltà dall’adozione di un sistema di questo tipo”. Possiamo fare un percorso inverso, valutando dove intervenire in città e cucendo un vestito su misura per rispondere alle necessità di emergenza”. “I tempi non sono ancora maturi – ha concluso Garetti –  per avviare una procedura così: la mozione è condivisibile ma ancora non applicabile nei termini proposti”.

Il sindaco Patrizia Barbieri è intervenuta per dichiararsi favorevole al progetto e precisare: “Non pensiamo che sia così semplice dare delle risposte ai cittadini, abbiamo già la mail che è inondata di richieste e noi puntualmente diamo le risposte”.

“Un progetto come si deve e fatto bene – ha aggiunto – impiega dai sei agli otto mesi, e dobbiamo fare in modo che la piattaforma funzioni e non sia un investimento inutile. L’assessore Paolo Garetti è responsabile e sta seguendo con serietà il progetto”.

Massimo Trespidi di “Liberi” ha fatto un rilievo alla risposta di Garetti: “Adesso basta con la favola che non c’è il personale che non è in grado di dare risposte. Avete fatto la riorganizzazione e ora non ci sono più scuse: spero abbiate pensato di mettere il personale dove effettivamente serve”.

Favorevole al software di segnalazione il consigliere di Piacenza in Comune Luigi Rabuffi: “E’ doveroso per un Comune raccogliere le segnalazioni dei cittadini, anche utilizzando le nuove tecnologie”.

Anche Gloria Zanardi (Misto) ha lodato la proposta che favorisce la partecipazione attiva dei cittadini.

Christian Fiazza (Pd) ha chiesto spiegazioni sul “livello di filtro” delle richieste e segnalazioni che possono essere avanzate dai cittadini. Roberto Colla di Piacenza Più ha espresso il suo assenso alla proposta.

Stefano Cavalli (Lega) è intervenuto per affermare: “Siamo favorevoli a questa proposta, ma dobbiamo essere consapevoli dei tempi di intervento rispetto ai problemi segnalati. Invitiamo l’assessore a dare risposte”.

Secondo Mauro Monti (Liberi) “questo sistema sarebbe conveniente all’amministrazione pubblica”. “Perchè consente di rendicontare le risposte ai cittadini e di mantenere un dialogo con la città”.

Sergio Pecorara (Forza Italia) ha aggiunto: “Esiste già un call center per segnalare problemi, siamo favorevoli ad adottare anche nuovi sistemi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da veronica

    Direi : OTTIMO!, Stiamo al passo con i tempi in modo da rendere Piacenza sempre più vivibile ( meno danni alle auto e meno CADUTE per i PEDONI)