PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il Piacenza cade a Carrara, ma la classifica è salva TOP e FLOP

Più informazioni su

Un buon Piacenza esce con le briciole dal campo di Carrara dopo un match comunque ben giocato che ha evidenziato, considerando le gravi assenze a centrocampo, passi avanti rispetto all’incontro pareggiato con la Giana Erminio. E’ mancato solo il gol nel primo tempo positivo dei biancorossi, mentre alla lunga la forza offensiva dei toscani, ed un atteggiamento forse troppo remissivo dei biancorossi, ha permesso il doppio sigillo dei padroni di casa che si lanciano alla caccia del quarto posto.

I TOP

DIEGO DI CECCO – Rilanciato da titolare dopo alcune settimane in panchina parte fortissimo in un ruolo inedito di attaccante aggiunto. Un gol ingiustamente annullato ed il passaggio per l’occasione clamorosa di Corazza. Si spegne alla distanza ma rimane la sensazione di un giocatore importante in quella posizione.

ANTONIO PERGREFFI – Tiene alla lunga nella sfida con Coralli. Di testa è insuperabile mentre sulle palle a terra non si fa mai sorprendere. Solo nel finale la Carrarese entra in area di rigore, per il resto il miglior attacco del campionato è anestetizzato.

MASSIMILIANO PESENTI – Non segna, ma probabilmente gioca il suo miglior match in biancorosso. Corre, lotta e si sacrifica per i compagni; è bravo ad aprire gli spazi per Corazza essendo l’unico uomo di peso in avanti.

I FLOP

IL SECONDO TEMPO – Troppo in attesa i secondi quarantacinque minuti di gioco. L’assetto improvvisato ha forse consigliato una maggiore copertura, ma la Carrarese, se aggredita, ha mostrato chiari limiti difensivi. Un peccato non aver chiuso in vantaggio il primo tempo.

SIMONE CORAZZA – Il numero delle occasioni sprecate di allunga pericolosamente. La torsione di testa finita a lato grida ancora al gol; un peccato, perchè i movimenti da attaccante di razza non gli mancano, ma mira e precisione sotto porta ancora latitano.

JACOPO SILVA – Poco reattivo nelle occasioni delle due reti. Dalla sua zona sia Biasci che Corazza spingono e creano pericoli. Rispetto al suo compagno di reparto Pergreffi sembra meno in palla a patisce l’aggressività atletica dei marmiferi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.