Proseguono a Piacenza gli incontri di educazione finanziaria

Più informazioni su

Prosegue a Piacenza il Corso di Educazione Finanziaria organizzato dal GIT di Banca Etica con il concorso delle principali associazioni promotrici dell’esperienza di finanza etica (Acli, Arci, Libera, Cisl) e con il sostegno della Caritas.

L’iniziativa vuole trasmettere ai partecipanti una serie di nozioni di base di economia e di finanza “che consentano di essere attori consapevoli della complessa realtà odierna”. “La mancanza di una adeguata e diffusa cultura economica e finanziaria – spiegano gli organizzatori – è vista, infatti, da più parti come una delle condizioni che hanno agevolato il proliferare di condotte irregolari da parte di diverse istituzioni bancarie e finanziarie.

I primi due incontri del 15 e 22 febbraio hanno avuto come argomento la gestione del bilancio familiare e gli strumenti disponibili per risolvere le situazioni di difficoltà. I successivi incontri (8 e 22 marzo, 5 aprile) saranno incentrati sugli strumenti di investimento finanziario del risparmio, sulle cause di contenzioso con le banche e sul ruolo delle associazioni dei consumatori nella difesa degli investimenti delle famiglie: “Anche in questo caso si intende partire dalla illustrazione dei differenti rischi che i diversi strumenti finanziari presentano per le singole persone, per arrivare a esaminare i più comuni casi di contenzioso con le istituzioni finanziarie”.

Il ciclo si concluderà il 12 aprile con l’analisi del funzionamento di una banca e la valutazione della esperienze di finanza etica condotta da Banca Etica, illustrate da un esponente di Banca Etica.

Gli incontri si terranno presso il Centro “Il samaritano” della Caritas sito in via Pietro Giordani 12 a Piacenza con inizio alle ore 18. L’invito è rivolto a tutti ed è ad accesso libero.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.