Quantcast

Pubblici i redditi dei parlamentari, ecco i piacentini

Sono state rese pubbliche – sui siti web della Camera e del Senato – le dichiarazioni dei redditi del 2017 dei parlamentari e componenti del governo.

Anche i parlamentari piacentini, membri del Parlamento uscente, tre alla Camera Paola De Micheli, Pierluigi Bersani e Marco Bergonzi (non rieletto), e il senatore Maurizio Migliavacca (non ricandidato) hanno reso noti i rispettivi redditi.

I “big” nazionali 

Beppe Grillo: 420.807 euro
Sale il reddito di Beppe Grillo, fondatore del M5s: nella dichiarazione dei redditi 2017 l’imponibile è pari a 420.807 mentre per il 2016 era stata pari a 71.957 euro.

Matteo Renzi: 107.100
Matteo Renzi nel 2017 dichiara un reddito imponibile pari a 107.100 euro. Un leggero aumento rispetto all’anno precedente (2016) quando il reddito dichiarato era pari a 103.283 euro.

Luigi Di Maio: 98.471, invariato
Il vicepresidente della Camera e leader del M5s, Luigi Di Maio ha dichiarato nel 2017 un reddito di 98.471 euro, identico a quello dichiarato l’anno precedente.

Giorgia Meloni: 98.421
Giorgia Meloni, leader di Fdi, ha avuto nel 2017 un reddito imponibile di 98.421 euro.

Pietro Grasso: 321.195, in calo
Il presidente del Senato e leader di LeU, Pietro Grasso ha avuto nel 2017 un reddito imponibile di 321.195 euro.

Laura Boldrini: 137.337, in calo
Inferiore il reddito della presidente della Camera, Laura Boldrini, anch’essa esponente di Leu, che ha dichiarato 137.337 euro.

I piacentini

Paola De Micheli: 98.398 euro VAI ALLA DICHIARAZIONE

Pierluigi Bersani: 148.096 VAI ALLA DICHIARAZIONE

Marco Bergonzi: 98.471 VAI ALLA DICHIARAZIONE

Maurizio Migliavacca: 153.625 VAI ALLA DICHIARAZIONE

Il governo: Fedeli al primo posto, Gentiloni 107.401 euro

Il primo posto nella classifica della squadra di governo è della ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli che per il 2017 ha dichiarato 182.016, poco di più dell’anno precedente, seguita dal ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda che ha dichiarato 166.264 e che a differenza dell’anno scorso afferma di avere fondi comuni di investimento cointestati con il coniuge.

Terza classificata la ministra dei Rapporti con il Parlamento Anna Finocchiaro che dichiara 151.672. In coda la ministra della Salute Beatrice Lorenzin con 91.888; vicino il ministro dell’Interno Marco Minniti che dichiara 92.260.

Quarto classificato nella squadra di governo il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini con 145.044 euro, seguito dal titolare dell’Economia Pier Carlo Padoan che ha un reddito imponibile pari a 122.457 e dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega ai rapporti con l’Ue Sandro Gozi che ha dichiarato un reddito pari a 115.914. Il premier Paolo Gentiloni ha dichiarato 107.401 euro, mentre il ministro del Lavoro Giuliano Poletti ne ha dichiarati 104.435 e il titolare del dicastero delle Infrastrutture 102.890, seguito da Gianluca Galletti (Ambiente) con 101.006 euro.

Tutti gli altri componenti della squadra di governo si attestano poco sotto i centomila euro: è pari a 94.709 il reddito imponibile nella dichiarazione 2017 del ministro della Giustizia Andrea Orlando e a 95.971 quella della Sottosegretaria Maria Elena Boschi.

Il ministro per la coesione territoriale Claudio De Vincenti dichiara invece 97.607, seguito dalla sottosegretaria alla presidenza del Consiglio Paola De Micheli che dichiara 98.398 dall’ex ministro dell’Agricoltura (dimessosi recentemente per diventare reggente del Pd) Maurizio Martina con 98.441 euro e dal ministro dello Sport Luca Lotti con 98.471; il ministro degli Affari Esteri Angelino Alfano ha invece dichiarato 98.478, la ministra della Difesa Roberta Pinotti ne ha dichiarati 96.458 mentre la collega Marianna Madia 99.519 e l’ex ministro degli Affari regionali Enrico Costa, che si è dimesso a luglio del 2017, 99.583.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.