Quantcast

In S. Maria di Campagna tra arte e fede: aperta la salita al Pordenone VIDEO fotogallery

“Godimento spirituale e ammirazione artistica, un complesso di figure che parlano agli occhi e al cuore”.

Le parole del cardinale Giovanni Battista Re introducono nell’evento culturale più importante per Piacenza nel 2018, la salita alla cupola della basilica di Santa Maria di Campagna per ammirare gli affreschi del Pordenone.

L’inaugurazione ufficiale della Salita al Pordenone, evento reso possibile dalla Banca di Piacenza, nell’ambito del progetto di valorizzazione della basilica di Santa Maria di Campagna, si è tenuto sabato mattina alla presenza di importanti autorità laiche e religiose.

Presenti, tra gli altri, il presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, il ministro Gianluca Galletti, il sindaco di Piacenza Patrizia Barbieri, il presidente della Provincia Francesco Rolleri, il prefetto Maurizio Falco e il questore Pietro Ostuni. Invitata anche una delegazione dalla città di Pordenone.

Chi è il Pordenone

A fare gli onori di casa il presidente del Comitato esecutivo della Banca di Piacenza, Corrado Sforza Fogliani.

Nelle foto e nei video alcuni dei momenti della cerimonia in basilica con gli interventi e la benedizione concessa dal cardinale Re, dal vescovo di Piacenza-Bobbio Gianni Ambrosio e da padre Secondo Ballati.

Ad accompagnare l’inaugurazione le musiche rinascimentali con brani di poeti classici, proposte dal gruppo di musicisti eccoti dell’Accademia Vivarium novum.

Dal 4 marzo al 10 giugno sarà possibile ammirare da vicino anche per il pubblico gli affreschi realizzati dall’artista rinascimentale sulla cupola della basilica.

“La manifestazione nasce da un’idea di Ferdinando Arisi che per primo mi parlò del camminamento che lui utilizzava per portare gli studenti dell’istituto d’arte Gazzola a studiare la prospettiva degli affreschi pordenoniani. Ora lo abbiamo recuperato così tutti potranno salire”.

A svelare l’origine dell’evento Salita al Pordenone è stato, nei giorni scorsi, Corrado Sforza Fogliani.

“Piacenza è sempre stata crocevia di strade, quindi di pellegrini, mercanti, banchieri e Santa Maria di Campagna è stata crocevia di artisti. Non c’è centimetro della Basilica – ha rimarcato Sforza Fogliani – che non sia affrescato o dipinto”.

Il presidente del Comitato esecutivo ha espresso “soddisfazione” per la nascita della sinergia con la Salita al Guercino, grazie all’accordo con la Diocesi di Piacenza che consentirà (dal 7 aprile) uno scambio di riduzioni del prezzo dei rispettivi biglietti.

Sforza Fogliani ha poi ricordato che “la Banca di Piacenza riversa sul territorio piacentino 40 milioni all’anno esclusi i finanziamenti” e che “l’evento Salita al Pordenone non beneficia di contributi pubblici e non distoglie fondi della comunità da altri fini più congrui, specie in tempi di crisi”.

La visita virtuale 

Nella Sala del Duca di Santa Maria di Campagna, per tutta la durata della manifestazione, verranno esposti due Panini recuperati all’estero grazie a Banca di Piacenza.

I biglietti sono in vendita sui siti www.midaticket.it, www.salitaalpordenone.it, www.bancadipiacenza.it.

Nel corso della mattinata è intervenuto anche Vittorio Sgarbi che ha firmato anche le introduzioni a tre pubblicazioni (rispettivamente, una sul Pordenone, una sul Genovesino e una sul Ghittoni) che saranno edite a commento e ad illustrazione degli eventi di Santa Maria di Campagna e di Palazzo Galli.

Orari
Basilica di Santa Maria di Campagna
(Piazzale delle Crociate – Piacenza)
da martedì a venerdì 10 – 12.30 e 15 – 18
sabato e festivi: 10 – 18
chiuso i lunedì non festivi
Palazzo Galli (Via Mazzini 14 – Piacenza)
da martedì a sabato 15-19
festivi 10-12.30 e 15-19
chiuso i lunedì non festivi e il 24 e 25 marzo
Apertura speciale Notte dei Musei
19 maggio ore 21-24

Biglietti
Il biglietto per la Salita al Pordenone della Basilica di Santa Maria di Campagna dà diritto ad ottenere un biglietto gratuito per l’ingresso alla mostra Genovesino a Piacenza e a quella I nuovi Ghittoni e i disegni della collezione Banca di Piacenza allestite a Palazzo Galli.

Per la Salita è obbligatoria la prenotazione della fascia oraria di visita, anche per i visitatori ad ingresso gratuito. I biglietti si possono acquistare online, contemporaneamente alla prenotazione, sul sito www.midaticket.it, oppure tramite il siti www.bancadipiacenza.it / www.salitaalpordenone.it oppure presso le biglietterie di Santa Maria di Campagna e di Palazzo Galli nei giorni e negli orari delle visite.

Per le mostre di Palazzo Galli non è prevista la prenotazione. L’accesso è consentito esclusivamente esibendo il biglietto gratuito ricevuto unitamente al biglietto valido per la Salita al Pordenone, anche in giorno diverso rispetto a quello scelto per la Salita al Pordenone.

Intero: € 12
Ridotto: € 10
Gruppi organizzati (minimo 12 persone): € 10
Scuole: € 5 per ogni componente il gruppo
Ridotto speciale: € 5

Tour del Pordenone
Per le visite a Cortemaggiore, Cremona e Monticelli è previsto un servizio di bus navetta con guida fornita dalla Banca di Piacenza, il sabato, con ritrovo a Piacenza, Piazzale delle Crociate, alle ore 10.30, con ritorno alle 18.
Prezzo: € 25+ € 25 per il pranzo. Prenotazioni: Merli Viaggi, tel. 3346498870. Prezzo scontato per i soci della Banca di Piacenza

Salite al Pordenone
e al Guercino
Per l’acquisto a prezzo ridotto dei biglietti per la Salita al Pordenone riservato ai detentori di biglietto per l’accesso alla mostra presso il Duomo di Piacenza (durata prevista dal 7 aprile al 7 luglio 2018) è necessario esibire i relativi biglietti acquistati.
Altrettanto, per i detentori di biglietto di ingresso alla Salita al Pordenone che vogliano visitare la mostra presso il Duomo di Piacenza al prezzo ridotto di € 8 oppure mostra presso il Duomo più Salita al Guercino al prezzo ridotto di € 10.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.