Quantcast

Sul campo di Cinisello si afferma Pavidea (2-3)

Più informazioni su

UNIABITA CINISELLO – PAVIDEA FIORENZUOLA 2-3 (14-25 25-18 25-19 21-25 17-19)

Cinisello : Villa 26, Roncarolo 1, Tonelli, Ripamonti 8, Consonni 27, Roncoroni 5, Vitaglione (L), Marzorati 3, Marelli, Guerriero, Quartarella, Valli 8. NE: Scilla. All. Robbiati.

Fiorenzuola : Donida 13, Tonini 3, Cattaneo 12, Nicoli 6, Reverberi 13, Tosi 10, Coti Zelati (L), Dalpedri 14, Gandolfi. NE: Ciani, Ermoli, Morelli. All. Marini.

Girandola di emozioni, inerzia che passava da una parte all’altra come una pallina da flipper e alla fine, dopo 2 ore e mezza di lotta, scoppia l’irrefrenabile gioia per aver vinto una partita pazza, su un campo difficilissimo, contro un Cinisello mai domo guidato da Consonni e Villa (53 punti in 2).

La svolta nel 4. set quando, per un errore di trasmissione delle formazioni, Fiorenzuola si ritrova con Tosi e Reverberi a posizioni invertite. La cosa poteva essere letale con le biancorosse già sotto 2-1 nel computo dei set. E invece le ragazze hanno reagito alla grande e hanno vinto la quarta frazione di puri nervi, ribaltando una situazione che sembrava definitivamente compromessa.

Primo Set : Equilibrio a inizio set, ai colpi di Dalpedri e Cattaneo rispondevano puntuali le padrone di casa, poi sul 7-7 l’accelerazione decisiva delle biancorosse.

Due ace di Donida, uno di Cattaneo e un paio di muri della stessa Marina Cattaneo e Reverberi danno la spallata decisiva. 19-12 per le biancorosse e il coach di Cinisello prova una girandola di cambi per invertire la rotta. Ancora Cattaneo protagonista nel finale e set in ghiaccio grazie al muro-tetto di Reverberi che stoppa il tentativo di veloce al centro di una Roncoroni in ombra. 25-14.

Secondo Set : Parte forte la squadra di casa con Valli efficace al servizio e la ricezione fiorenzuolana è balbettante. 7-2 Cinisello con Marini costretto al timeout. Risale a -1 la squadra ospite, ma sale in cattedra Luana Villa che diventa un incubo sia in battuta, che in attacco. Alla fine della frazione saranno 10 i suoi punti. 18-9 Cinisello, Dalpedri prova a rianimare le compagne con 2 punti consecutivi, ma Villa continua lo show e il set si chiude 25-18 per l’Uniabita con un “mani e fuori” di Alessia Consonni.

Terzo Set : Anche in questa frazione è migliore la partenza del sestetto di casa, con Consonni puntuale e potente. Ma a metà set c’è una splendida reazione bioancorossa, con Dalpedri protagonista e Donida che dopo un set “in bianco” torna a far punti. 14-13 Cinisello e stavolta il timeout lo deve chiamare il coach di casa per fermare l’onda biancorossa.

Un paio di errori non forzati delle biancorosse danno nuova linfa a Cinisello, poi un muro di Consonni su Donida al termine di uno scambio interminabile dà la spallata decisiva del set. Un altro muro su Tosi e una conclusione sulla riga di Villa danno il terzo set a Cinisello: 25-19.

Quarto Set : a inizio set il pasticciaccio formazione di cui sopra, gli arbitri fischiano due punti diretti a favore di Cinisello per errore di schieramento delle nostre e tutto sembra perduto. Locali avanti 11-8 ma sale in cattedra Ambra Nicoli.

Al servizio devasta la ricezione milanese con 3 aces, in attacco si inventa un paio di tocchi di seconda che danno morale alle compagne e si permette pure di murare Villa. Come per incanto il set cambia padrone. 16-11 Fiorenzuola. Cinisello non ci sta, torna sotto (17-16), finale di frazione punto a punto, Tosi firma un muro dal valore inestimabile e l’ultimo punto, quello che porta al tiebreak, è firmato con un ace da Nicoli. 25-21.

Quinto Set : Cresce il nervosismo, specie tra i locali, l’arbitro perde la pazienza e commina due cartellini rossi a inizio set per la panchina di Cinisello rea di protestare platealmente su ogni punto. Ne approfitta Fiorenzuola che prova la fuga. 7-5 prima, 9-7 poi con Sara Reverberi autentica star del set.

Trascinata da Consonni Cinisello non ci sta e piazza un break che pare quello decisivo. 13-9 per le lombarde a 2 soli punti dalla vittoria. Reverberi piazza due veloci al centro, Donida prima mura Consonni poi attacca sulle mani del muro e firma un’incredibile rimonta 13 pari. Da questo momento solo match point.

Le biancorosse ne annullano 3 con Reverberi, Tonini due volte(entrata nel 4.set al posto di un’acciaccata Dalpedri), poi si procurano la palla-match con una fast bomba di Marina Cattaneo. Il 19-17 definitivo arriva grazie a un errore di Valli per  la gioia irrefrenabile di Marini e delle sue ragazze capaci di vincere un match già perso 3 volte e invece ribaltato con la forza del carattere, dei nervi e della voglia di non mollare

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.