PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Svuota” da anni il castello di oro e argento e li vende. Arrestato fotogallery

“Svuota” da anni un castello della Valtrebbia di oro e argento e li rivende.

E’ il quadro ricostruito dai militari della stazione di Rivergaro che hanno arrestato per furto in abitazione l’ex custode di un maniero della provincia di Piacenza.

Si tratta di un 46enne milanese, che secondo gli investigatori nell’arco di circa tre anni avrebbe sottratto pezzi antichi di metallo pregiato (nelle foto) per un valore di oltre 10mila euro.

Un soggetto già noto agli stessi investigatori, che nel novembre del 2017 l’avevano arrestato per un furto di liquori in un supermercato di Rivergaro.

All’epoca l’uomo aveva dichiarato di risiedere in un castello della Valtrebbia, dove a suo dire svolgeva il lavoro di custode.

Nella successiva perquisizione al suo presunto domicilio le forze dell’ordine avevano trovato alcuni grammi di droga, che gli erano anche costati anche una denuncia per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio.

Il 46enne poco tempo dopo ha però attirato nuovamente l’attenzione dei carabinieri, che l’hanno notato frequentare con una certa assiduità un negozio di acquisto oro della città.

Movimenti sospetti che hanno trovato conferma quando il titolare dell’attività ha spiegato loro che il 46enne, da circa tre anni, vendeva regolarmente oggetti preziosi nel suo punto vendita.

Set di posate, oggetti sacri e vasellame in oro e argento visionati dai militari, i quali hanno subito pensato che potessero provenire proprio dal castello, come confermato poi dal legittimo proprietario.

Quest’ultimo, che non si era accorto degli ammanchi, ha poi spiegato che il custode non lavorava più per lui da marzo 2017, a differenza di quanto l’altro aveva dichiarato mesi dopo.

Secondo quanto ricostruito dai militari di Rivergaro, guidati dal maresciallo Roberto Guasco e coordinati dal sostituto procuratore Emilio Pisante, l’ex dipendente aveva continuato ad accedere abusivamente alla dimora per fare incetta di valori.

Il 46enne, in realtà residente nel milanese, è stato denunciato per furto in abitazione e nelle scorse settimane il gip Adele Savastano ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere. Dopo l’arresto è stato condotto alle Novate.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.