PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Uil: “Gravi criticità, più attenzione per le Novate”

Più informazioni su

La Uil Polizia Penitenziaria chiede più attenzione verso il carcere di Piacenza, “dopo l’ennesimo atto di aggressione nei confronti della Polizia Penitenziaria di pochi giorni fa dove tre poliziotti hanno avuto prognosi dai 5 ai 25 giorni”.

Abbiamo inviato una nostra nota al Sig. Provveditore ed alla Direzione di Piacenza affinché ci sia più attenzione su questo Istituto – informa Domenico Maldarizzi della Segreteria Regionale della Uil Polizia Penitenziaria -. Piacenza non può e non deve essere una discarica di detenuti facinorosi trasferiti da tutto il distretto. Piacenza è un carcere complesso abbiamo un Reparto Osservazione Psichiatrica dove vengono impiegati Poliziotti, sicuramente non formati a gestire dei detenuti con un disagio psichico; molto spesso, l’osservazione di tali detenuti sfocia in ricoveri presso strutture psichiatriche, aggravando ancora di più il lavoro dei poliziotti sott’organico e sfinito; abbiamo reparti destinati ai detenuti protetti e comuni, a regime aperto forse con troppa disinvoltura, dove continuamente si verificano aggressioni tra loro stessi e contro i poliziotti; un reparto ROI” (Isolamento) ed il Reparto A (Sezione ex art 32) sempre completamente affollato visti i continui arrivi di detenuti facinorosi da tutti gli altri Istituti della Regione. L’amministrazione Regionale – continua Maldarizzi – deve ridurre al massimo questi continui flussi di detenuti di difficile gestione verso questo Istituto per rendere meno gravoso il lavoro dei Poliziotti Piacentini

“E’ evidente che questo delle violenze e delle aggressioni è un problema che non si ripercuote solo sull’ordine interno – chiosa Maldarizzi – ma anche sulla funzionalità dei servizi, generando assenze per convalescenze per un Personale già ridotto all’osso. Non si comprende come mai l’Amministrazione Regionale prenda provvedimenti di trasferimento soltanto a seguito di gravi e violente aggressioni nei confronti del Personale di Polizia Penitenziaria quando già le pregresse criticità messe in atto dai medesimi detenuti ristretti sono segnalate dalla Direzione”.

Posto che ogni aggressione subita da un poliziotto penitenziario nelle prime linee delle frontiere penitenziarie è da considerarsi una aggressione allo Stato, è assolutamente necessario – conclude il Coordinatore della Uil Penitenziari – che nei confronti dei detenuti che si siano macchiati di tali violenze si adottino misure esemplari, nel pieno rispetto della legge e di ogni garanzia, anche per fungere da deterrente per tali spiacevoli episodi e, soprattutto, per migliorare lo stato emotivo con cui i Poliziotti Penitenziari sono chiamati a svolgere i propri compiti istituzionali e non creando ulteriore stress da lavoro correlato. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.