PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Al via anche a Piacenza il congresso Cgil con le assemblee

CONGRESSO CGIL, a Piacenza l’avvio con le Assemblee generali. “Percorso mai così partecipato” – La nota stampa

PIACENZA – Un percorso congressuale “mai così partecipato”. Per i numeri che riguardano Piacenza, innanzitutto. E poi per le modalità di consultazione e discussione sui temi del lavoro, della società, della rappresentanza e della politica con la “P” maiuscola.

Riguarderà da vicino un piacentino su dieci nella provincia di Piacenza “il primo mattoncino” del XVIII Congresso nazionale della Cgil. Infatti sono 30mila e 846 gli iscritti alla Cgil su circa 280mila residenti sul territorio piacentino, ed è a loro che guardano le “Assemblee generali” che tutte le categorie (attivi e pensionati) si apprestano a celebrare nelle prossime settimane.

“Le Assemblee Generali delle categorie sono assise composite – spiega in una nota la Cgil di Piacenza – in cui la maggioranza è composta sempre e comunque da delegati di fabbrica o del luogo di lavoro. Ed è a partire da queste assemblee che si avvierà il confronto che porterà al documenti congressuale che di fatto detterà la linea programmatica del sindacato per il futuro. Se i funzionari sono espressione dei delegati nei luoghi di lavoro, la discussione di avvio del XVIII Congresso della Cgil (che si svolgerà a Bari dal 22 al 25 gennaio 2019, ndr) sarà specchio fedele del mondo del lavoro e della società piacentina. Anche con questa nuova modalità congressuale la Cgil vuole riportare il lavoro al centro”.

“ Il lavoro E’ ” è il titolo della bozza di documento congressuale che verrà discusso – ed emendato – nelle Assemblee generali, che a Piacenza partiranno il 12 aprile con l’assise della Filcams, sindacato che organizza le lavoratrici ed i lavoratori impiegati nel comparto del commercio, dei servizi e del turismo. Il 13 sarà la Filt inieme ai pensionati dello Spi Cgil, e via così.

“La funzione di questa fase di partecipazione è quella di incardinare la discussione congressuale: documenti calati dall’alto e da ”ratificare” non fanno parte dell’idea di rappresentanza del primo sindacato italiano per numero di iscritti” commenta Gianluca Zilocchi, segretario generale della Cgil di Piacenza.

Il mandato del segretario generale Susanna Camusso (il secondo ed ultimo per statuto confederale) scade il 3 novembre 2018. Il congresso a Bari eleggerà la nuova assemblea generale del sindacato che poi eleggerà il nuovo segretario generale.

CONGRESSO NAZIONALE CGIL: LE TAPPE – Tra il 5 aprile e il 18 maggio è previsto lo svolgimento di circa 1500 assemblee generali sul territorio nazionale che si terranno nei luoghi di lavoro su tutto il territorio nazionale. Dal 20 giugno al 5 ottobre si svolgeranno, invece, le assemblee congressuali di base. A seguire e fino al 31 ottobre si terranno i congressi delle Camere del lavoro e delle categorie territoriali.

I congressi delle strutture regionali avranno inizio il 5 novembre e si dovranno concludere entro il 24 dello stesso mese. A seguire, dal 26 novembre al 20 dicembre, si svolgeranno i congressi delle categorie nazionali dei lavoratori attivi e quello del sindacato dei pensionati della Cgil, che si terrà dal 9 all’11 gennaio del 2019.

Il percorso congressuale si concluderà quindi a Bari, presso la Fiera del Levante, dove dal 22 al 25 gennaio avrà luogo il XVIII Congresso della Cgil nazionale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.