PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Cure oncologiche vicino a casa, nell’ultimo anno seguiti 285 pazienti

Le terapie oncologiche il più vicino possibile a casa del malato, con i professionisti che si spostano negli ospedali periferici della rete provinciale per andare incontro alle esigenze della persona: è questa la logica su cui poggia a Piacenza il progetto di Oncologia territoriale, premiato nei giorni scorsi a Roma da Cittadinanzattiva e Tribunale per i Diritti del Malato.

L’esperienza piacentina è ormai ben consolidata e presenta anche un aspetto unico in Regione: un punto di cure oncologiche in una Casa della Salute (Bettola). In occasione dell’assegnazione del primo premio nazionale Alesini al dipartimento di Oncoematologia, l’Azienda Usl di Piacenza presenta un bilancio sull’importante progetto, che “ha un forte impatto positivo e tangibile sulla persona”.

“La prossimità – anticipa il direttore generale Ausl Luca Baldino – permette di ridurre i tempi di viaggio, di parcheggio e attesa e consente al paziente e ai suoi familiari di diminuire la perdita di giorni di lavoro, a beneficio della qualità di vita”.

Il progetto Oncologia territoriale è stato presentato in direzione generale dal direttore Baldino, da Luigi Cavanna, direttore dell’unità operativa di Oncoematologia, da Patrizia Mordenti responsabile della rete oncologica dell’Asl di Piacenza.

Nel 2016 sono stati curati nella rete territoriale 262 pazienti, per un totale di 1989 accessi e 3105 infusioni di farmaci. Dati in crescita nel 2017, con 285 pazienti (9%), con 2232 accessi (12), e 3455 infusioni di farmaci (11%) tutti preparati presso l’unità farmaci antiblastici di Piacenza. Nel nostro territorio si è concretizzata una rete territoriale che porta l’oncologo e le cure oncologiche vicino al domicilio del malato, sfruttando l’esistenza di presidi ospedalieri periferici.

Un servizio integrato tra unità operativa di oncologia e le unità operative di medicina interna di Bobbio, Fiorenzuola e Castelsangiovanni, per garantire ai pazienti della provincia le stesse cure di chi vive in città.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.