PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

It’s play off time per la Bakery, Coppeta guarda alla sfida con Cecina

Più informazioni su

It’s playoff time! Come direbbero in America, per la Bakery Piacenza è finalmente scattato il momento dove il gioco si fa molto più serio. Dopo una regular season chiusa al secondo posto, i biancorossi sono pronti a immergersi nella fase finale della loro stagione. Si parte domenica, alle 18, contro Cecina. Coach Coppeta ci introduce alla sfida.

Prima di trattare l’argomento Cecina, un commento sulla vittoria autoritaria di domenica pomeriggio a Lugo e sul girone d’andata.

“La vittoria di Lugo la volevamo fortemente. L’avevamo preparata sia tecnicamente che mentalmente e in campo si è visto. In più, il recupero di Nicolas (Stanic, ndr) è stato, ed è fondamentale aggiungendo un valore in più alla squadra, anche in virtù dell’infortunio di Rombaldoni. Per il campionato noi avevamo l’obiettivo della qualificazione alla coppa Italia e l’abbiamo mantenuto con un grande girone d’andata. Nel ritorno, nonostante qualche punticino lasciato per strada, che comunque nel computo di una stagione è più che naturale, sono soddisfatto del secondo posto in regular season. Ora si parte tutti alla pari e come al solito la differenza la faranno le vittorie, soprattutto lontano da casa”.

Due parole su Cecina che non conosciamo e cosa ci sarà bisogno per vincere gara1?

“Per quanto riguarda la squadra, contro Cecina serviranno le stesse cose messe in scena durante il campionato. I playoff però, sono un campionato a sé, si gioca a distanza di 48 ore, su 3 o 5 partite per cui c’è bisogno di uno studio continuo e senza sosta. Cecina è una squadra buona sotto il profilo fisico che nel girone di ritorno ha vinto 11 partite su 15, battendo in casa propria sia Omegna che la Fiorentina e vincendo anche a Milano (1°,2° e 3° del girone) per cui è molto attrezzata per fare bene.

“Fisicamente è molto ben dotata, poi può contare sull’esperienza dell’inossidabile Gigena che fa da leader e totem soprattutto con i quintetti più giovani. Sul perimetro con Forti e Biancani sono molto ben messi. Lasagni nelle ultime uscite ha fatto veramente bene e Gaye è il loro “3” veramente fisico che dovrà migliorare sotto l’aspetto tecnico ma va sicuramente tenuto d’occhio. Completa il campo Salvadori, che è un’ala moderna con raggio di tiro sia dentro che fuori dall’area. Sono una squadra molto tosta”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.