PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

L’asparago piacentino a tavola: i consigli della dietista Monica Maj

“La natura ci dà sempre le sostanze di cui abbiamo più bisogno in quel periodo”: una frase, quella del medico e dietologo Giorgio Calabrese, che fa sicuramente pensare all’importanza di assumere gli alimenti giusti e nei momenti giusti.

Lo sottolinea Monica Maj, dietista di Piacenza specializzata nell’alimentazione della donna e nutrizionista di varie mense scolastiche e non. “Il colore della frutta e della verdura veste un ruolo fondamentale: ad ogni colore corrisponde una proprietà diversa – raccomanda la dietista – Per questo è importante variare la propria dieta e non assumere sempre ortaggi e frutta dello stesso tipo.”

Parole altrettanto attente poi a favore di un ortaggio tipico del nostro territorio e giunto nel pieno della sua stagione, l’asparago piacentino, che il Consorzio Asparago Piacentino cura e tutela, dalla produzione al consumo.

Con i suoi valori nutrizionali, questa gustosa verdura agisce su tutti i fronti e si presenta come un vero e proprio manforte al nostro organismo: composto principalmente da acqua, presenta vitamine di tipo A, C, E e folati, che in aggiunta a sali minerali quali potassio, fosforo, calcio e fibre agiscono da veri e propri antiossidanti e antinfiammatori.

Inoltre l’assunzione dell’asparago piacentino è in grado di produrre effetti diuretici, controllare i livelli di glucosio nel sangue, abbassare il livello del colesterolo cattivo e ridurre anemia e stanchezza, aiutando a migliorare l’umore grazie all’azione dell’acido folico: proprio per questo motivo è consigliato alle donne, soprattutto quelle in gravidanza e in menopausa, sulle quali presenta una vera e propria azione antidepressiva.

Un alimento, l’asparago, che possiede al 100% tutto ciò di cui abbiamo bisogno e che può presentarsi a tavola in diversi modi e con svariate combinazioni: “Essendo un ortaggio, l’asparago dovrebbe essere abbinato ad una quota proteica, che sia vegetale o non – conclude Maj – Ad esempio, presentare sullo stesso piatto l’asparago con un legume è l’ideale, in quanto contiene la giusta dose di carboidrati e proteine per completare il fabbisogno nutrizionale. Per quanto riguarda le modalità di cottura, possono essere consumati crudi tagliati a rondelline o a cotti a vapore, per far sì che si preservino le proprietà nutrizionali.”

Consigli preziosi per presentare un alimento prezioso di cui non si dovrebbe fare a meno, dunque, e che il nostro territorio sta cercando, giustamente, di tutelare.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.