PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“L’uomo che cammina per la pace”, l’attivista congolese a Cadeo foto

Riceviamo e pubblichiamo la nota stampa del comune di Cadeo (Piacenza) sulle iniziative per celebrare il 25 aprile e l’incontro con l’attivista congolese John Mpaliza Balagizi.

La nota stampa – Una festa della Liberazione all’insegna della pace, della libertà e del fortuito incontro con i giovani di “Peace Walking Man foundation”, in marcia per i diritti umani guidati dall’attivista John Mpaliza Balagizi, conosciuto anche come “Peace Walking Man”, l’uomo impegnato a far conoscere la situazione della Repubblica Democratica del Congo, che da decenni vive la continua violazione dei diritti umani e guerre di interesse economico.

Dopo la passeggiata commemorativa di sabato con i ragazzi della terza media della U. Amaldi, il 25 aprile sono proseguite le celebrazioni ufficiali che hanno toccato i punti commemorativi del territorio: monumento e cimitero di Saliceto, cippo alla Stanga di Cadeo, monumento ai caduti di Cadeo ed infine cimitero di Roveleto.

In prima linea Comune di Cadeo, Associazione Combattenti e Reduci guidati dal presidente Nino Montagna, Associazioni nazionali degli Alpini e le  associazioni locali AVTC e Croce Rossa Cadeo.

“I partigiani non erano intellettuali interessati di politica, che a  tavolino sognavano una carriera o il protagonismo. I partigiani erano semplicemente giovani che sognavano un futuro” – ha ricordato il sindaco Marco Bricconi, facendo un  tuffo nel passato per ricordare e onorare la figura dei tanti partigiani morti per la Patria ma anche per scuotere le coscienze-.  I partigiani 73 anni fa hanno messo a rischio la vita pur di avere la libertà, noi troppe volte preferiamo la dittatura dell’indifferenza, dell’eterna delega, e dell’egoismo pur di non perdere un attimo del nostro tempo.

Un cenno del primo cittadino anche alla “guerra” dei nostri giorni, fatta di parole e diffamazione che corre sui social media e disgrega relazioni e comunità civili: “Abbandoniamo queste misere strategie di guerra online e diventiamo davvero social: in questo tempo di buio individualismo, incontriamoci, stiamo insieme. Questa è una battaglia in cui conviene davvero buttarsi”.

Davanti al Municipio di ritorno dalle celebrazioni, l’incontro con John Mpaliza Balagizi. “Un incontro inaspettato e che rende più vera questa giornata: c’è sempre bisogno di pace – ha dichiarato Bricconi – la libertà non è scontata per tutti, questi giovani in marcia ce lo dimostrano. A loro come Comune diamo il nostro patrocinio morale”.

L’attenzione è tutta puntata sul passato, tra partigiani e Liberazione, ma il presidente dei Combattenti e Reduci di Cadeo guarda già al futuro, alle celebrazioni del prossimi 4 novembre: “In occasione delle prossime celebrazioni di novembre inaugureremo una lapide per rendere onore ai reduci dei due conflitti mondiali, un omaggio per tutti i combattenti che giacerà presso il cimitero di Saliceto.”  – ha annunciato Montagna -.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.