PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pd: “Reazioni scomposte alle legittime preoccupazioni del segretario Cisl Molinari”

“E’ ancora consentito esprimere le proprie opinioni in virtù del ruolo che si riveste oltre che di singolo cittadino, senza per questo essere insultati? Sembrerebbe di no a leggere le reazioni dell’on. Foti ma anche quelle del Sindaco Patrizia Barbieri al pacato intervento del Segretario provinciale della Cisl Marina Molinari relative a ciò che si è fatto e ciò che non si è fatto in dieci mesi di Amministrazione Barbieri, in particolare su welfare, politiche giovanili e lavoro”.

Così la segreteria provinciale del Pd interviene sulle polemiche sorte dopo la presa di posizione di Molinari, in particolare in merito agli appalti in rinnovo in Comune, alla quale ha risposto Tommaso Foti (FdI): “I bandi emanati – ha scritto Foti in una nota – sono da decenni un compito della dirigenza, e non dalla politica. Così pure e di competenza della dirigenza, e non della politica, l’assegnazione degli appalti: confondere i ruoli tra dirigenza e assessori, significa essere fermi alle norme del secolo precedente”.

Ora la replica del Pd, che parla di “un intervento critico ma argomentato, per nulla pregiudiziale o ideologico che semplicemente sottolineava la preoccupazione, a nome della Cisl, per “uno stile di governo che per diversi aspetti ci lascia dubbiosi” ha scritto appunto la Molinari, che citava Spazio4 e Belville come esempi di reiterata volontà di chiudere esperienze pensate per l’aggregazione giovanile senza sostituirle con altre di stesso livello, esprimendo contrarietà per il mancato rispetto delle clausole sociali che avrebbero consentito di mantenere i posti di lavoro degli educatori occupati nelle precedenti gestioni”.

“Un intervento – proseguono – a cui ha fatto seguito un comunicato dell’on. Foti di attacchi personali ed un commento del Sindaco che lascia perlomeno sbigottiti, dato che attribuisce a Marina Molinari frasi mai scritte. A poco meno di un anno dall’insediamento dell’attuale Amministrazione non è normale chiedersi cosa ha fatto, di suo, l’Amministrazione in carica, quante delibere ha portato in Consiglio comunale, ad esempio, quali e quanti progetti ha messo in campo per caratterizzare il proprio operato non solo con tagli e chiusure, quali e quanti progetti ha in serbo di proporre alla città, che visione ha del futuro della città e che azioni intende intraprendere per il resto del mandato? Nessuno lo sa, forse nemmeno il Sindaco, alle prese con i grattacapi di una Giunta che per prima, a leggere le cronache quotidiane, non giudica all’altezza del compito assegnato”.

“Condividiamo tutto ciò che ha scritto Marina Molinari e le perplessità che a vario titolo sono state espresse in altre occasioni dai sindacati confederali ma anche da altri rappresentanti di categorie economiche, come l’ultima vicenda, solo per fare un esempio, relativa allo sdoppiamento del mercato. Condividiamo – concludono – anche la sua replica agli insulti e alle sgarberie, una lezione di eleganza rispetto a chi, pur ricoprendo importanti ruoli istituzionali in qualità di consigliere comunale, ma anche di consigliere regionale, ma anche di deputato della Repubblica, continua a non avere atra risorsa che l’attacco personale verso chi osa esprimere un’opinione diversa dalla sua”.

Replica che Marina Molinari ha affidato ad un post su Facebook: “In un mio intervento di ieri come segreteria Cisl – scrive – ho espresso preoccupazioni sull’indebolimento della struttura comunale che si occupa di servizi sociali nel comune di Piacenza, sulla riduzione di investimenti sulle politiche giovanili, sul rischio di ulteriore liberalizzazione del mondo del lavoro (evidente dalla lettura del dibattito avvenuto in consiglio comunale sul tema applicazione delle clausole sociali)…Ho avuto la replica dell’onorevole Tommaso Foti, che si sostanzia prevalentemente nell’attacco alla mia persona. Non mi offendo, un sindacalista si abitua al dissenso”.

“Io, nel mio intervento sull’attività dell’amministrazione comunale ho rispettato il nostro Sindaco Patrizia Barbieri, come persona ed anche come Istituzione della nostra città. Quindi, nonostante lui non lo faccia verso di me, continuerò a rispettare l’onorevole Foti come persona e come Istituzione visto che lui è parlamentare, ma anche consigliere regionale, ma anche consigliere comunale oltre ad avere importanti incarichi regionali e territoriali nel suo partito”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.