PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Pro Piacenza: la beffa di Pisa, ma la salvezza rimane a un passo TOP e FLOP

Più informazioni su

Un 3-2 spettacolare quanto beffardo per il Pro Piacenza, capace di rimontare per ben due volte ed in inferiorità numerica il Pisa senza tuttavia trovare la forza per portare a casa almeno un punto vitale per la classifica.

Ora sono quattro le sconfitte consecutive per i rossoneri, che oggi potrebbero trovarsi l’Arezzo a soli due punti in caso di successo degli amaranto nel recupero di Olbia. Rimane tuttavia ancora discreto il margine sulla terz’ultima e, soprattutto, sul Prato, che dista 11 punti e sarebbe condannato direttamente in caso di distacco immutato alla fine della stagione.

I TOP

RICCARDO MUSETTI – Segna un gol da antologia nel pareggio del 2-2. Un colpo di tacco sul primo palo tanto bello quanto prezioso. Peccato che la prodezza non sia servita al risultato finale, ma rimane tuttavia una perla da categoria superiore.

LORENZO PARAMATTI – Anche per lui una splendida rete da attaccate puro, lui che è difensore. Entrato nella ripresa come terzino al posto di Belfasti, si è reso protagonista di una splendida girata al volo per il provvisorio 1-1.

STEFANO GORI – Si esalta davanti ai 7000 dell’Arena Garibaldi. Para l’imparabile sia nel primo che nel secondo tempo, si supera sul rigore di Negro e non ha nessuna responsabilità sulle reti dei pisani. Da applausi.

I FLOP

FERDINANDO MASTROIANNI – Lascia i suoi compagni in inferiorità nel momento clou della partita. Due assurde ed inutili ammonizioni per lo stesso identico fallo plateale e sotto gli occhi dell’arbitro. Forse all’epilogo della sua disgraziata stagione.

LA DIFESA – Praticamente perfetta per oltre 45’ perde la testa nel convulso finale. Eusepi è bravo ed astuto nell’episodio del rigore inesistente, ma nelle altre due reti la retroguardia è colpevole di scarsa reattività e posizionamento nella marcatura.

DANILO ALESSANDRO – Momento di leggera flessione atletica per il bomber rossonero. Non entra quasi mai nelle azioni importanti e vive per molti minuti ai margini della manovra. Indispensabile ritrovarlo per il finale di campionato.

Foto propiacenza.it

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.