PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Rugby Femminile, beffa finale contro Imola per le Pantere Piacenza

Più informazioni su

Nello stupendo impianto sportivo della Cittadella del Rugby di Parma e sotto un diluvio primaverile si è disputata domenica scorsa la tappa parmigiana del Campionato Interregionale di Rugby 7 Femminile, che ha visto la partecipazione delle Pantere Piacenza, Amatori Parma, Colorno, Formigine e Imola.

Il calendario delle partite metteva subito di fronte le piacentine alla capoclassifica Formigine e, subito dopo, alla fortissima formazione del Colorno. Le partite con Amatori Parma e Imola chiudevano il Torneo. Quindi, partenza in estrema salita e chiusura teoricamente in discesa, visti i risultati passati in cui le Pantere, in particolare contro Imola, hanno sempre vinto e con larghissimo punteggio.

Prima partita, Pantere contro Formigine (che l’ultima volta ha rifilato ben 9 mete alle piacentine e chiuso l’incontro con 40 punti di vantaggio): partono fortissime le modenesi, realizzando la prima meta addirittura sul calcio d’inizio e a seguito di una punizione a favore delle Pantere mal gestita. Sembrava l’inizio di un tracollo annunciato e invece le giovanissime (e neofite) Panterine tenevano bene il campo, non permettendo alle avversarie di avvantaggiarsi ulteriormente. Solamente una meta non meta, vista solo dal giovane arbitro, in quanto il pallone sfuggiva al controllo della realizzatrice (e per regolamento non assegnabile), consentiva al Formigine di chiudere il primo tempo in vantaggio per 14 a 0.

Nel secondo tempo le Panterine si sono subito riversate in avanti e sono riuscite a realizzare due mete in sequenza con l’ariete Mariam Bance portandosi in parità: 14 a 14. Ma ancora una volta l’inesperienza delle giovanissime piacentine consentiva allo scadere della partita la realizzazione della terza meta al Formigine, che vinceva la partita con il risultato di 21 a 14. Sconfitta sì per le piacentine, ma con un diverso punteggio ed atteggiamento rispetto a quelli di sette giorni prima.

Dopo il Formigine, le Pantere affrontavano subito il Colorno che approfittava dello sbandamento psicologico delle piacentine realizzando due mete consecutive. Partenza che avrebbe messo ko anche più esperte giocatrici, e invece le Pantere hanno saputo reagire e portarsi in pareggio realizzando due mete con Giada Marchetta e Giada “Ross” Mazzocchi (vero faro di questa squadra, Woman of the Match, nonchè miglior MetaWoman della giornata, con 4 mete, e 10 trasformazioni realizzate su 11).

Ma le parmensi sono di alto livello e sapevano riprendere in mano la partita realizzando la terza meta che avrebbe potuto chiudere l’incontro; non avevano però fatto il conto con il carattere guerriero delle Pantere che, con un guizzo felino di Ama Agyeman, realizzavano a loro volta la terza meta allo scadere vincendo la partita grazie alla precisione del “cecchino “ Mazzocchi: punteggio finale di 21 a 19 a favore delle piacentine.

A questo punto del torneo sembrava fatta almeno per il secondo posto in classifica, dovendo affrontare le formazioni sulla carta (e non solo) nettamente inferiori alle Pantere. Invece, la “domenica bestiale” riservava la sgradita sorpresa nel finale.

Battuta agevolmente l’Amatori Parma, che ancora una volta non riusciva a presentarsi con il numero richiesto di 7 giocatrici: rimasta addirittura in 4 a causa di un infortunio di gioco, costringeva l’arbitro a sospendere la gara a metà secondo tempo con il risultato a favore delle Pantere di 28 a 12 con due mete di Giada Ross e due di Martina Maserati, che alla sua seconda partecipazione al Campionato dimostra già delle ottime attitudini e, “fedele” al suo cognome, inarrestabile in corsa.

Ultima partita con l’Imola, battuta sette giorni addietro con il risultato di 47 a 19: e qui la domenica da “piovosa” diventa anche “bestiale”. L’Imola gioca, le Pantere stanno a guardare e le bolognesi realizzano tre mete senza subirne alcuna. Tardiva la reazione delle piacentine, che solo nel finale con la solita Giada Ross Mazzocchi e Giada Marchetta (ottima anche la sua prestazione) realizzano due mete perdendo però l’incontro per 19 a 12 e il secondo posto nella Classifica Finale del Torneo.

Una domenica che ha comunque messo in mostra la rapida crescita delle neofite rugbyste piacentine, l’amalgama che continua a migliorare di partita in partita, “l’esperienza” che si acquisisce dalle sconfitte e la fame di voler riprendersi quello che sarebbe potuto essere e non è stato.

Domenica 22 aprile, tra le mure amiche dello Stadio Beltrametti, le Pantere dovranno dimostrare al pubblico piacentino di che pasta sono fatte e dare a tutti, in primis a loro stesse, una grande dimostrazione di carattere e di coesione.

La formazione delle Pantere scesa in campo a Parma era composta da: Mariam Bance (capitana), Khadi Thioune, Monia Lopes, Ama Agyeman, Giada Mazzocchi, Alice Chiastra, Giada Marchetta, Maria Urbano, Giulia Di Carlo, Gaia Branca, Martina Maserati. Allenatore Adolfo Seri.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.