PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Stop al business dell’immigrazione”. Presidio di Casa Pound

Più informazioni su

Oltre cinquanta i militanti e simpatizzanti di CasaPound scesi in piazza sabato pomeriggio davanti alla stazione di Piacenza per protestare contro l’ultimo bando per l’accoglienza dei profughi.

“Siamo qui a contestare – spiega il responsabile piacentino del movimento, Pietro Pavesi – la scelta di stanziare una assurda cifra di denaro pubblico per la sistemazione dei profughi o sedicenti tali, una cifra che raggiunge quasi 40 milioni di euro e che avrebbe trovato migliaia di soluzioni d’uso migliori per Piacenza e chi la vive, come aiuti nelle case popolari o start up per giovani imprenditori”.

“Invece – continua – per continuare a sostenere il business che si è creato intorno all’accoglienza, business ad uso e consumo delle cooperative e delle associazioni che carpiscono l’appalto, si è deciso, vergognosamente, di esasperare una provincia che non può più accogliere richiedenti asilo e che sta già soffrendo di un gravissimo problema di degrado e criminalità”.

“Una situazione – sottolinea – che è visibile agli occhi di tutti semplicemente scorrendo i titoli dei giornali dell’ultimo mese, basti pensare all’emanazione di 15 mandati di arresto per l’immenso giro di spaccio che si aggirava fra Castel S.Giovanni e Sarmato, i cui proventi,  si teme, finissero in ambienti riferibili al terrorismo”.

“Questa situazione – conclude la nota – è assolutamente inaccettabile, dunque abbiamo deciso di scendere in piazza per denunciare tutto questo, attaccando un sistema ingiusto e per ribadire, con forza, che Piacenza è stanca di subire ed ha intenzione di rialzare la testa”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.