PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Verso il Derby: Pro Piacenza, tanti cerotti fisici e mentali. Ardua impresa per il duo Maccoppi-Lucci

Più informazioni su

Derby dall’importanza colossale per il Pro Piacenza che arriva alla “stracittadina”, sabato 21 aprile alle 20 e 30, con il pesante fardello di cinque sconfitte consecutive che hanno fatto ripiombare i rossoneri in piena zona retrocessione.

Due punti di vantaggio sul Gavorrano e tre sul Cuneo: sono questi i concorrenti diretti per evitare la coda play-off, ma anche le dieci lunghezze sul Prato permetterebbero, in caso di quart’ultimo posto, comunque la salvezza diretta.

Dunque la squadra di Burzoni può fare la corsa su più fronti, senza dimenticare che nelle prossime tre uscite con Piacenza, Arzachena e Lucchese serviranno almeno quattro punti per garantirsi il finale anticipato di stagione.

L’esonero di Fulvio Pea è arrivato al termine di uno dei match più brutti giocati in stagione e all’indomani di una sconfitta pesante sotto il profilo del gioco e del morale; la debacle al 94’ contro il Gavorrano ha segnato l’epilogo di venti giorni terribili per l’ormai ex tecnico rossonero: non solo i cinque stop di fila conditi con appena quattro reti realizzate a fronte delle ben undici subite, ma anche le pesanti dichiarazioni di Burzoni dopo le sconfitte con Monza ed Arezzo hanno di fatto sconfessato il lavoro e la posizione dell’allenatore, ormai separato in casa e sfiduciato dalla proprietà.

L’arrivo della coppia Stefano Maccoppi – Settimio Lucci anticipa in sostanza quello che era stato deciso per la prossima stagione; la scelta del cambio a pochi turni dalla fine e con la formazione in caduta libera rappresenta un passo coraggioso, soprattutto alla vigilia del match più delicato dell’anno. Il confronto con il Piacenza, infatti, ha sfumature tecniche e psicologiche diverse dal resto delle altre partite e sicuramente esordire nel derby non rappresenta di certo l’avvio più morbido per un due esordienti assoluti in Lega Pro.

Il Pro Piacenza, tra l’altro, arriva a questo impegno con i cerotti nono solo a livello mentale, ma anche nello stato fisico ed atletico. Le tante reti subite nella ripresa (ben 8 su 11) sono sintomo di una condizione non ottimale, complice anche l’evidente affanno di alcuni elementi importanti come Belotti, Barba, Alessandro ed Aspas che, protagonisti per tutta la stagione, stanno ora vivendo un momento di appannamento.

Sull’aspetto mentale e sulla corsa dovrà lavorare la coppia Maccoppi-Lucci, ma, a tre giornate dal termine, la sfida si presenta in salita.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.