PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Da Chero a Chiaravalle per la Giornata Nazionale dei Cammini Francigeni foto

Più informazioni su

In occasione del mese dedicato ai cammini, come ormai da 10 anni l’associazione Transitum Padi di Piacenza, in collaborazione con la Rete nazionale dei Cammini, ha organizzato un percorso per far conoscere e valorizzare il tratto piacentino della Via Francigena. L’appuntamento era alle ore 8 presso l’ostello S.Pietro al Montale, luogo tradizionale di sosta di numerosi pellegrini in transito sulla via Francigena. Una costruzione di cui l’associazione va fiera perché risale all’ XI secolo, ed è l’unico ospitale superstite dei 31 funzionanti in città in epoca medioevale.

Dopo la visita all’ostello ci si è spostati con le auto alla località di partenza.A Chero (frazione di Carpaneto) il gruppo si è incamminato lungo strade asfaltate ma prive di traffico, in un verde reso rigoglioso dalle recenti piogge, fino a raggiungere il guado del torrente Chiavenna.Qui è stato utilizzato il passaggio finalmente attrezzato, e il percorso è proseguito lungo una carrareccia che si inoltrava tra vasti campi coltivati fino a raggiungere, attraverso un piacevole sentiero lungo l’Arda, Fiorenzuola, città dedicata a S. Fiorenzo, pellegrino egli stesso prima di essere fatto vescovo di Orange in Francia.

Ancora 5 km su asfalto prima di arrivare all’antico borgo di Chiaravalle della Colomba, sede di una famosa abbazia di monaci cistercensi, fondata nel XII secolo e voluta dallo stesso S.Bernardo fondatore dell’ordine.Un momento conviviale ha rappresentato l’attesa conclusione della tappa.Nel pomeriggio si è tenuta la visita all’abbazia.

Un monaco di origine etiope ha  piacevolmente illustrato le caratteristiche della bella chiesa in stile romanico-gotico (sede ogni anno di una meravigliosa infiorata in occasione del Corpus Domini), del bellissimo chiostro trecentesco, della sala capitolare, dell’antico dormitorio dei monaci cantori, dell’antico refettorio (calefactorium) munito di un ampio camino decorato (oggi trasformato in una liquoreria ad uso dei visitatori).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.