PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Coldiretti al Cibus: “Allarme etichetta semaforo, boccia 85% del made in Italy Dop” foto

“L’etichetta nutrizionale a semaforo sugli alimenti che si sta diffondendo in Europa boccia ingiustamente quasi l’85% in valore del Made in Italy a denominazione di origine (Dop) che la stessa Unione Europea dovrebbe invece tutelare e valorizzare”.

E’ quanto ha ribadito Coldiretti questa mattina, martedì 8 maggio, al Cibus, durante il convegno di presentazione della nascita di Filiera Italia, la nuova realtà associativa che vede per la prima volta il mondo agricolo e l’industria di eccellenza insieme per difendere la filiera agroalimentare nazionale.

Alla manifestazione di Parma Coldiretti, nel suo spazio presente al padiglione 7, ha esposto i prodotti simbolo del Made in Italy “marchiati” all’estero nei supermercati dal bollino rosso. Presente una nutrita delegazione piacentina, partita con un pullman dalla città e guidata dal presidente provinciale Marco Crotti, dal direttore Giovanni Luigi Cremonesi e da tutti i segretari di zona.

“L’Unione Europea deve intervenire per impedire un sistema di etichettatura, fuorviante discriminatorio ed incompleto che finisce per escludere paradossalmente dalla dieta alimenti sani e naturali che da secoli sono presenti sulle tavole per favorire prodotti artificiali di cui in alcuni casi non è nota neanche la ricetta”, ha affermato Crotti nel denunciare “le distorsioni provocate dal sistema di informazione visiva che fino a ora è stato adottato con formule diverse in Gran Bretagna e Francia”.

Per l’Italia ad essere bocciata dal semaforo rosso inglese c’è tra gli altri – ha sottolineato Crotti – una delle nostre specialità Dop più vendute in Italia e all’estero come il Grana Padano, ma si arriva addirittura a colpire anche l’extravergine di oliva, considerato il simbolo della dieta mediterranea.

AL CIBUS ANCHE L’ACCORDO TERRANOSTRA-ZANUSSI – Con oltre 3 milioni di turisti che nel 2017 si sono seduti a tavola in un agriturismo dell’Emilia Romagna, la buona cucina con il recupero dei piatti della tradizione è uno dei fattori trainanti delle vacanze in campagna.

È quanto ha affermato Coldiretti in occasione della presentazione al Cibus di Parma dell’accordo tra Terranostra Emilia Romagna, organizzazione agrituristica di Coldiretti, e Zanussi Professional, l’azienda italiana leader nel settore delle cucine professionali, finalizzato alla formazione, aggiornamento e qualificazione degli agrichef delle aziende agrituristiche.

L’accordo firmato a Cibus dal presidente di Terranostra Emilia Romagna, il piacentino Carlo Pontini, e dal direttore commerciale di Zanussi Professional, Andrea Rosi, prevede l’organizzazione di corsi per la qualificazione e l’aggiornamento degli agrichef e la collaborazione in eventi e iniziative regionali e provinciali.

SCATTANO LE MULTE PER LE ETICHETTE “FAKE” – Coldiretti ricorda infine che mercoledì 9 maggio entrano in vigore le sanzioni, da 500 a 40mila euro, per chi non rispetta trasparenza e corretta informazioni al consumatore su quello che viene offerto sugli scaffali.

La novità è prevista dal decreto legislativo 23 del 15 dicembre 2017 che “dà attuazione” alla disciplina dell’Unione europea di tutela dei consumatori e riguarda – spiega la Coldiretti – sia l’indicazione di origine dell’ingrediente principale laddove prevista, ma anche la data di scadenza, la presenza di allergeni, la dichiarazione nutrizionale o le caratteristiche del prodotto come definirlo bio oppure vegan quando invece non lo è.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.