PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Dalla vasca di Lodi Everest esce con le ossa rotte (9-4)

Seconda sconfitta esterna consecutiva per l’Everest Piacenza Pallanuoto, che esce con le ossa rotte dalla vasca di Lodi. Non ci sono tante scusanti per la giovane squadra piacentina, che gioca male, non presta attenzione alle ripetute giocate di uno scatenato Turelli e, soprattutto, non riesce ad attaccare la zona avversaria a causa di un eccesso di staticità.

Perplesso il tecnico Fresia: “Siamo in una fase nella quale ci crediamo troppo forti e questo non può che farci male, regaliamo goal e giochiamo con poca cattiveria. Siamo un po’ sazi e questo non va bene e la maggior parte dei goal, quasi tutti evitabili, arrivano su errori dei singoli.” Una disanima allarmante quella del tecnico piacentino, che in settimana dovrà lavorare sodo sulla psiche dei ragazzi anche perché sabato prossimo arriva l’ammazza campionato Metanopoli.

La partita comincia con con le due difese che la fanno da padrone e per entrambe le squadre il primo tempo è quasi di studio; unica realizzazione nella prima frazione di gioco quella di Carpanzano A. che sfrutta una sbavatura difensiva. Si va al secondo tempo dove i lombardi, dopo aver preso le misure, cominciano a prendere il largo.

Dopo il pareggio iniziale di Comassi, il mattatore della serata, l’ex Turelli, trasforma un rigore e dopo un minuto Galbagnani porta a più due la sua squadra. Si attende dal Piacenza una reazione che non arriva e lo Sporting Lodi affonda il coltello prima con una rete di Rossi, poi ancora di Galbagnani ed infine di Turelli.

Con il risultato di 5 a 1, che appare decisamente sfavorevole per gli ospiti, si va al terzo tempo e qui i piacentini tirano fuori i denti e, dimostrando carattere, realizzano tre reti consecutive con Marrtini, Zanolli e Mastrogiovanni che riaprono la partita.

I padroni di casa accusano il colpo, ma trovano in Turelli l’uomo della provvidenza; lasciando colpevolmente solo il bresciano trova l’angolo corto e porta i suoi all’ultimo tempo con un vantaggio di due reti. Nell’ultima frazione di gioco il Piacenza non ha però reazione, spianando così la strada a tre reti purtroppo subite più per demerito della difesa piacentina che per le gesta dei singoli attaccanti lodigiani.

CAMPIONATO DI SERIE C – GIRONE 1. SPORTING LODI – EVEREST PIACENZA PALLANUOTO   9 – 4 (1-0) (4-1) (1-3) (3-0)

 Sporting Lodi: Pellegri, Vanelli, Novasconi, Carpanzano M., Marchi, Carpanzano A. 1, Rossi 2,Galbagnani 1, Vigotti, Zecca Turelli 5, Roveda, Mellina.   All. . Miscioscia

Piacenza : Bernardi , Schiavo, Mastrogiovanni 1, Lamoure , Martini 1, Bianchi, Merlo, Fanzini, Cighetti, Zanolli 1, Comassi 1, Anceschi, Sartori. All. F.Fresia

Sup Num : Sporting Lodi 2/6 Piacenza 2/8

Rigori: Sporting Lodi  1/1  Piacenza 0/0

Arbitro: Fontana

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.