PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Dall’incubo al giubilo, il Piace soffre ma travolge la Giana. I Top ed i Flop

Per il Piacenza sessanta minuti di angoscia con lo spettro di una eliminazione anticipata che avrebbe fatto girare in rosso il bilancio stagionale, poi la punizione di Taugourdeau e la serata di gloria di Romero hanno raddrizzato una partita che rischiava di tramutarsi in un triste epilogo.

Il 4-2 finale premia le scelte dalla panchina di Franzini che riesce a trovare risorse importanti dai cambi e conferma le amnesie difensive di una Giana Erminio brava quando c’e da distendersi in avanti ma terribilmente impacciata se attaccata per vie centrali.

Secondo turno play off a Monza martedì con inizio alle 19: ecco le indicazioni per i biglietti

I TOP.
NICCOLO’ ROMERO. Da quando vive part-time all’ombra di Pesenti sembra giocare più libero e senza responsabilità ; dopo Alessandria e Siena un’altra giornata determinante con la doppietta e un impatto sulla gara decisivo in attacco.
ANTHONY TAUGOURDEAU. Entrato a freddo e subito a segno su punizione. La sua rete ha cambiato totalmente la gara ed evitato guai peggiori. Non sarà fisicamente ancora al top ma il suo piede si conferma sempre caldo.
JACOPO SEGRE. Il più convincente del centrocampo; e’ bravo a trovare sempre il cambio di passo ed è autore di improvvise accelerate. Sembra tra quelli fisicamente più in forma ed in grado di ribaltare l’azione da difensiva ad offensiva.

I FLOP.
SIMONE CORAZZA. Di lui si ricorda il classico tiro dimostrativo del primo tempo, per il resto non trova mai il pertugio giusto o la conclusione vincente. Pesenti è troppo isolato in avanti e lui raramente riesce a creare spazi o appoggiare l’azione.
IL PRIMO TEMPO. Totalmente da rivedere l’approccio alla partita. Subito due occasioni per gli ospiti nonché la colossale possibilità dello 0-2 sul finire della frazione. Forse la scelta del 3-5-2 non si e’ rivelata azzeccata, meglio nelle ripresa quando l’ingresso di Romero ha permesso maggiori alternative di costruzione.
ALESSANDRO CASTELLANA. Troppe difficoltà su centro sinistra dove Foglio e soprattutto Chiarello hanno sfondato a piacimento. Il difensore si è discretamente disimpegnato in fase offensiva ma sui ripiegamenti ha sofferto incredibilmente gli inserimenti dei bianco-azzurri.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.