PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

La proposta “Ats per il marketing territoriale di Piacenza”

Un’Ats, sul modello di Expo 2015, per rilanciare il marketing territoriale di Piacenza. E’ il progetto avanzato dal sindaco Patrizia Barbieri, nel corso della riunione in Municipio con le categorie economiche.

“Il nostro obiettivo è quello di costruire una progettualità forte per Piacenza, il tavolo economico ha dato una visione e indicato le necessità – dice il sindaco Barbieri – ma il confronto deve andare oltre, ampliandosi ai sindacati e alle università per affrontare le scelte strategiche del territorio”.

Tra queste figurano il nuovo ospedale (martedì pomeriggio si terrà un incontro sul tema in direzione generale all’Ausl, ndr), e il futuro del Laboratorio Pontieri, “ma sono argomenti che vanno sottoposti ai nuovi soggetti” dice Barbieri.

“Occorre avere una strategia di marketing territoriale molto forte e che va condivisa. Occorre potenziare l’agroalimentare, una delle risorse fondamentali della nostra provincia, ma sono tanti temi emersi durante il confronto con le categorie economiche, ad esempio quello della formazione – sottolinea -. Anche per il mondo industriale servono giovani preparati in maniera adeguata, abbiamo un tessuto di medie e piccole imprese che vanno aiutate nel percorso di ampliamento”.

Questa progettualità molto forte di cui parla il sindaco può essere portata avanti attraverso la costituzione di un’Ats, associazione temporanea di scopo. “L’Ats può raccogliere un gruppo di imprese che insieme al Comune, sul modello di Expo 2015, possono portare avanti una progettualità di marketing territoriale forte. Per me è un’ipotesi perseguibile”.

Tra le esigenze espresse dai partecipanti al tavolo quella di “potenziare sempre di più una delle grandi risorse della nostra economia, il settore agroalimentare. Ma occorre lavorare anche a 360 gradi sulla nostra realtà con l’incremento dell’attrattività puntando sulla cultura e il turismo”.

Tra i progetti in partenza figura poi la ripresa di un accordo di gemellaggio, attivato dalla precedente amministrazione, con un distretto cinese. Grazie al lavoro con il consolato, l’accordo vedrà un nuovo impulso con la visita tra giugno e luglio di una delegazione istituzionale per parlare di scambi economici e commerciali.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.