PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Incontro Venturi-Barbieri: “Il nuovo ospedale si farà, Regione pronta a investimento importante”

Bologna – “Oggi ci siamo incontrati per parlare del nuovo ospedale di Piacenza, progetto, lo confermo, che verrà realizzato, e della sanità piacentina, con la massima disponibilità a confrontarsi e risolvere eventuali criticità, per dare servizi sempre migliori ai cittadini”.

Così l’assessore regionale alle Politiche per la Salute, Sergio Venturi, che nel pomeriggio ha incontrato a Piacenza la sindaca Patrizia Barbieri. “Un impegno comune – prosegue – che si inserisce in un contesto che vede la Regione investire nel sistema sanitario regionale, a partire dal personale, attraverso assunzioni e stabilizzazioni per combattere il precariato, fino alle strutture e all’edilizia sanitaria. Nella consapevolezza sia del fatto che la sanità regionale è tra le migliori d’Italia e d’Europa, sia della volontà di migliorarla costantemente e di mantenerla all’avanguardia”.

E proprio questa mattina, sottolinea Venturi, “in commissione regionale Politiche per la salute e politiche sociali sono stati illustrati i bilanci delle aziende sanitarie e ospedaliere dell’Emilia-Romagna, tutti in pareggio e con i conti in ordine, fatto non certo scontato se si guarda al panorama nazionale”.

“La sanità piacentina – evidenzia la Regione – non costituisce un’eccezione, bensì conferma questo impegno. Nel corso del 2017 sono state assunte 266 unità di personale con una copertura del turn over pari al 152%. E nel 2018 sono stabilizzabili altre 87 persone tra comparto e dirigenza”.

“La Regione – prosegue l’assessore – ha espresso chiaramente l’impegno e la volontà di dotare Piacenza di un nuovo ospedale, in grado di rispondere alle moderne esigenze organizzative, funzionali e strutturali e di dare le migliori risposte assistenziali alla popolazione piacentina. Si tratterà di un investimento importante, svariate decine di milioni, e comunque dei fondi che saranno necessari, non appena sarà individuata a livello locale l’area dove realizzarlo”.

In merito alle problematiche che interessano il territorio piacentino, “questa Regione ha sempre lavorato per risolvere i problemi, con la massima disponibilità al confronto: questo è il nostro compito – afferma Venturi – ed è quello che intendiamo fare. Chiamerò la presidente della Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria di Piacenza, Patrizia Calza, per fissare un incontro urgente con l’Ufficio di Presidenza della Conferenza per discutere nel merito delle questioni sollevate anche sulla stampa locale e trovare delle soluzioni condivise”.

“Vogliamo capire le eventuali problematiche che interessano Piacenza e il suo territorio facendo una valutazione completa, confrontandoci anche sulla gestione complessiva dell’Azienda sanitaria rispetto a quanto avvenuto negli ultimi anni e a quanto dovrà essere realizzato nei prossimi. Sempre nella consapevolezza – conclude Venturi – che la sanità emiliano-romagnola costituisce un’eccellenza anche perché siamo in grado di coniugare un alto livello di servizi diffusi su tutto il territorio con una gestione attenta e puntuale delle risorse disponibili, come dimostrano i conti in ordine delle aziende sanitarie stesse”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da veronica

    “investimento importante” Quale cifra ci assicurerà la Regione? Quanto ricadrà sulle spalle dei cittadini?

  2. Scritto da metabolik

    Quando si tratta di cementare/asfaltare non c’è divisione politica che tenga, tutti d’accordo. Ma che senso ha fare un nuovo ospedale con la popolazione che diminuisce, i tempi di attesa per le prestazioni sempre più lunghi, la difficoltà a rimpiazzare medici e la struttura esistente che già funziona ? I fondi disponibili devono essere investite in risorse umane (cioè formazione, aggiornamento, specializzazione di medici, tecnici e infermieri) e tecnologia.