PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

In città sfilano carri armati ma in segno di pace fotogallery

Carri armati a Piacenza ma in segno di pace, per rievocare e celebrare la fine della seconda guerra mondiale.

Grande partecipazione  alla Colonna di pace partita nella mattina di domenica 13 maggio da Carpaneto e giunta verso le 10,30 nel cuore della città, all’ombra di palazzo Mercanti (nelle foto).

Sfila la colonna di pace a Piacenza

L’evento, giunto alla quarta edizione e unico in provincia, vuole ricordare la storica data dell’8 Maggio 1945, “Giornata della vittoria”, data che segnò la fine delle ostilità della Seconda Guerra Mondiale in Europa. La manifestazione è organizzata dall’associazione GS Cadeo-Carpaneto, associazione culturale “Terre Piacentine” e associazione “Tracce di Storia”, in collaborazione con i Comuni di Carpaneto e Piacenza e in sinergia con associazioni locali, il gruppo Alpini Carpaneto e le associazioni combattentistiche e d’Arma.

L’associazione “Tracce di Storia”, che raccoglie i collezionisti privati di mezzi militari d’epoca, porta una colonna di mezzi militari alla quale si sono aggiunti anche collezionisti provenienti da Piacenza e province limitrofe.

Nel pomeriggio è prevista la partecipazione dei paracadutisti alla presenza delle autorità.

“Nostra intenzione – spiegano i promotori – è sempre stata quella di rendere la manifestazione sempre più attrattiva ed interessante da un punto di vista storico-culturale. Data l’importanza che la città e la Provincia di Piacenza hanno sempre avuto ospitando strutture e reggimenti di primaria importanza per l’Esercito Italiano, si è instaurata una collaborazione con il “Polo di Mantenimento Pesante Nord”, che ha permesso alla messa in visione statica di mezzi e attrezzature idonei all’evento ed alla pubblica esposizione”.

“Negli anni sono stati presenti alla manifestazione diversi graduati dell’esercito attualmente in servizio o in pensione, ricordiamo la presenza dei Generali Castagnetti, De Lorenzo, Petroni, Barbera, Porrazzo, dei Colonnelli Blarzino e Bergaglio; inoltre lo scorso anno, l’allora Sottosegretario alla difesa, Gen. Domenico Rossi, nell’impossibilità di partecipare, ha portato un saluto telefonico. Sempre nell’edizione 2017, il Console del Brasile in carica a Milano e alti graduati dell’esercito Brasiliano hanno partecipato all’evento per ricordare la caduta di un velivolo militare Brasiliano ed il passaggio a Piacenza dei militari Brasiliani nelle immediate fasi post belliche”.

La manifestazione gode del Patrocinio del Ministero della Difesa, della Regione Emilia-Romagna, della Provincia di Piacenza.

PIACENZA, Domenica 13 maggio

8:30 partenza da Carpaneto direzione Piacenza (direzione S. Giorgio, Provinciale SP6)

9:45 ammassamento dei mezzi alla Baia del Re

10.00 Palazzo Gotico – apertura mostra statica a cura del Polo Mantenimento Pesante Nord, macchine cifranti militari e Ass.ne “1943 Sbarco a Salerno”

10:00 Partenza Colonna di Pace Via Farnesiana fino all’incrocio di Corso V. Emanuele
Attraversamento a passo d’uomo del Corso con esibizione delle “Cornamuse della Liberazione” accompagnate da associazioni storiche fino a Piazzetta Mercanti – parcheggio e disposizione mezzi

11:00 Saluto delle autorità, picchetto d’onore e deposizione corona al Monumento dei Caduti

11:30 Ricordo del Gen. di Div., Principe Ferrante Gonzaga Marchese del Vodice, Medaglia d’Oro al Valor Militare

12:00 Piazza Cavalli – lancio paracadutisti Atleti della Sezione di Paracadutismo Sportivo dell’Esercito

14:30 Esibizione “Boogie Woogie” dei ballerini della scuola New Happy Dance

15:30 Salone Palazzo Gotico, “Enigma” i misteri ancora irrisolti della famigerata macchina cifrante tedesca

17:30 saluto e partenza Colonna di Pace direzione Via Emilia

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.