PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Play Off B, la Canottieri Ongina inizia il braccio di ferro con la Boschi Campegine

Più informazioni su

Massimo otto giorni e tre partite per sapere se è tempo di vacanze o di continuare a sognare. E’ la “magia” dei play off, un concentrato di emozioni che anche quest’anno in serie B maschile vedrà protagonista la Canottieri Ongina. Mercoledì alle 20,30 i ragazzi di Massimo Botti saranno di scena a Campegine (Reggio Emilia) sfidando la Boschi nella gara 1 della terza fase, il penultimo scoglio nel cammino verso l’A2.

La formazione piacentina si è qualificata dopo la doppia vittoria ottenuta contro Novi e ora cercherà di iniziare al meglio il nuovo braccio di ferro, che proseguirà sabato alle 21 a Monticelli con gara 2, mentre l’eventuale “bella” è in programma mercoledì 30 maggio a Campegine. Tradotto: Cardona e compagni dovranno espugnare almeno una volta il PalaKomodo per continuare a sognare in grande.

In casa Canottieri Ongina, a presentare la partita è il tecnico Massimo Botti. “Campegine – afferma l’allenatore dei monticellesi – è una squadra forte, con elementi che hanno militato in categoria superiore o vinto il proprio campionato. Può contare su ottime individualità ed è ben bilanciata tra i giocatori di esperienza e giovani molto interessanti.  Inoltre, la Boschi ha dalla propria parte il fattore campo, un elemento non trascurabile anche se penso non determinante. Dal punto di vista tecnico, Campegine non è perfetta in ricezione, ma ha una batteria di attaccanti di palla alta che può sopperire a questo aspetto”.

Quindi sposta l’analisi sulla propria squadra. “Siamo tutti pronti, dobbiamo ragionare unicamente come gruppo lasciando da parte discorsi individuali e la serie contro Novi ci ha insegnato a soffrire insieme. Per quanto riguarda il gioco, sarà importante arginare l’urto dei due-tre battitori in salto della Boschi essendo bravi a non subire troppo. Inoltre, serviranno una grande precisione e attenzione nella fase break, soprattutto nel muro-difesa. Più di tutto, però, bisognerà giocare a pallavolo, divertendosi”.

Il roster della Canottieri Ongina comprende i palleggiatori Gabriele Parisi ed Emilio Pazzoni, gli opposti Maikel Cardona e Henry Miranda, gli schiacciatori Sandro Caci, Andrea Binaghi, Andrea Nasari e Jacopo Filipponi, i centrali Beppe De Biasi, Paolo Bonola e Bara Fall e il libero Andrea Cerbo.

L’AVVERSARIO – La Boschi Campegine ha vinto il girone D e nel proprio organico vanta giocatori di indiscutibile valore per la categoria come l’opposto Bartoli, lo schiacciatore Cordani e il centrale Bassoli, giusto per fare qualche nome. Anche tanti giovani di valore, come per esempio il regista Soli, il centrale Miselli e la banda Scaltriti, mentre in panchina c’è coach Stefano Levoni.

“Dopo la sconfitta contro Prata – spiega l’allenatore dei reggiani – il colpo psicologico c’è stato e bisognerà ricaricare le pile vedendo quante energie abbiamo a disposizione soprattutto a livello di testa. Gara 1 sarà già importante: se dovessimo vincere avremmo due chance, tra cui l’eventuale “bella” in casa, mentre una sconfitta si aggiungerebbe alle due precedenti contro Prata e renderebbe difficile il percorso. Le due squadre hanno alcune analogie, come i centrali De Biasi e Miselli e due opposti di esperienza come Cardona e Bartoli, anche se la Canottieri Ongina ha una panchina più lunga a questi livelli ed è a mio avviso la seconda classificata più forte dei vari gironi”.

Un dato è certo: in campo non mancherà l’esperienza, con tre “over” 40 nei roster: Maikel Cardona nella Canottieri Ongina, Gabriele Bulgarelli e Manuel Civa nella Boschi. Proprio quest’ultimo, con i suoi 43 anni, sarà il più longevo della serie. Ruolo palleggiatore, in carriera ha giocato con Massimo Botti in A2 a Reggio Emilia (Edilesse Conad) nella stagione 2010-2011.

“Per la prima volta – spiega l’atleta parmense della Boschi – lo sfido da avversario, ho stima di lui: da giocatore era un centrale molto intelligente, nella lettura del palleggiatore e con un attacco molto anticipato. Inoltre, da allenatore posso dire che la sua squadra rispecchia la sua concezione di gioco”. Quindi inquadra il duello. “La favorita è la Canottieri Ongina e dovremo usare bene le nostre risorse, soprattutto muro-difesa unitamente al contrattacco”.

L’EX – Nelle fila della Boschi Campegine milita lo schiacciatore piacentino Tommaso Cordani, con la maglia della Canottieri Ongina nella stagione 2011-2012 che rappresentò la prima esperienza dei gialloneri in B1 maschile.

GLI ARBITRI – A dirigere l’incontro tra Boschi Campegine e Canottieri Ongina saranno il primo arbitro Dario Dello Stritto e il secondo arbitro Alberto Paschetta

IL PERCORSO DELLE DUE SQUADRE – La Canottieri Ongina arriva alla terza fase dei play off dopo aver superato nella seconda fase il Novi Ligure (3-1 a Monticelli, 3-2 in Piemonte). Dal canto suo, invece, la Boschi Campegine ha perso il duello contro Prata (3-1 in Friuli, tie break perso in terra reggiana) che metteva in palio un pass diretto per l’A2.

IL QUADRO PLAY OFF – Questi gli abbinamenti della terza fase play off di serie B maschile. Le vincenti approderanno alla quarta e ultima fase che decreterà le due promosse in A2.

Saronno-Alvaniox Delta Porto Viro
Boschi Campegine-Canottieri Ongina
Sa.Ma. Portomaggiore-Romeo Normanna Aversa
Conad Lamezia-Medea Moltalbano

IL TEST – Lo scorso 29 dicembre le due squadre si sono sfidate in un allenamento congiunto a Monticelli, dove la Canottieri Ongina si impose 3-0 vincendo anche il quarto set supplementare giocato di comune accordo.

COPERTURA MEDIA DEL MATCH – La partita sarà trasmessa in diretta Facebook sulla pagina Campegine Volley. Sulla pagina Facebook Canottieri Ongina, invece, verranno pubblicati frequenti aggiornamenti di punteggio nel corso dei vari set.

Nella foto di Annarita Zilli, il tecnico Massimo Botti (Canottieri Ongina)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.