PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Piace ko, addio play off. Passa la Sambenedettese (3-1) COMMENTO – VIDEO foto

Il Piacenza cade a San Benedetto del Tronto e dice addio ai play off. Nel catino della Riviera delle Palme finisce 3-1 per i padroni di casa: una vittoria – va detto – meritata, certificata, oltre alle tre segnature, anche da quattro legni e almeno un paio di grosse occasioni. I biancorossi non sono riusciti ad arginare i padroni di casa, trascinati da un ottimo Bellomo, che passano così il turno: alla squadra dei fratelli Gatti resta comunque l’ottimo percorso compiuto in questi complicati playoff.

LA GARA – Franzini recupera Della Latta e Taugourdeau e inserisce Di Cecco per Masciangelo (non al meglio), confermando davanti la coppia Pesenti – Romero. Nel primo tempo grande pressione della Sambenedettese, che non è certo fortunata visti i tre legni centrati in 45 minuti: inizia al 12’ Miracoli, ben liberato da Rapisarda, colpendo la traversa di testa, prosegue Bellomo al 26’ scheggiando il palo con un bel tiro a giro dopo un’azione personale, e ancora lui nel finale paga dazio alla sfortuna con una punizione (deviata dalla barriera) che si stampa sulla traversa.

In mezzo da segnalare un grande intervento di Fumagalli su incornata di Miracoli e un’altra buona occasione di Marchi che non arriva all’appuntamento con il gol. Il Piacenza, che perde Di Cecco al 20’ per un problema fisico sostituito da Masciangelo, si difende e prova ad agire in ripartenza, ma né Romero né Pesenti vengono innescati a dovere. Al 14’ è però quest’ultimo ad avere sui piedi il pallone del vantaggio: grande giocata di Della Latta che va sul fondo e centra per l’attaccante che non trova la porta da pochi passi.

La ripresa si apre con lo stesso canovaccio, e già al 2’ Patti con una botta dalla distanza centra incredibilmente la traversa. Il gol è nell’aria e arriva tre minuti dopo: Gelonese cade dopo un contrasto con Castellana, per l’arbitro è rigore e dal dischetto Miracoli non sbaglia. Passano dieci minuti ed ecco il raddoppio: bella azione di Valente che crossa verso il centro, la palla è prolungata da un difensore del Piacenza e favorisce Rapisarda sul secondo palo che insacca di testa.

La gara di fatto si chiude qui: Franzini proverà le carte Corazza, Di Molfetta e, successivamente, Franchi: i biancorossi provano ad alzare il baricentro, ma la musica non cambia. Anzi, a segnare sono ancora i padroni di casa: Di Massimo è steso da Fumagalli in area, e di nuovo Miracoli non sbaglia dal dischetto. Nel finale c’è ancora il tempo per ammirare la prodezza di Franchi su punizione che serve solo ad accorciare le distanze. Finisce con la festa della Riviera delle Palme e i biancorossi a salutare i tifosi arrivati da Piacenza; tanti applausi per i ragazzi di Franzini, che escono a testa altissima da questi playoff. Da domani si inizia a pensare alla prossima stagione.

CON QUESTE BASI SI PUO’ COSTRUIRE UN FUTURO AMBIZIOSO – Il COMMENTO di Luigi Carini – Dura 50’ il sogno biancorosso di approdare ai quarti dei play off. Un rigore, un po’ generoso in verità, abbatte il muro difensivo piacentino alla disperata ricerca del nulla di fatto che gli avrebbe consentito di passare il turno.
 Quando si perde le recriminazioni non mancano mai; è però doveroso riconoscere che ha vinto la squadra migliore, quella tecnicamente meglio dotata, quella che con più intensità ha cercato la vittoria.

Ciò non toglie che al Piacenza vadano attribuiti grandi meriti. I ragazzi di Franzini hanno fatto tremare i marchigiani e li hanno impegnati allo stremo, sia nella partita dell’andata che nel ritorno. 
Col senno di poi si può lamentare che il Piacenza abbia adottato una tattica troppo difensivista, quando la non ferrea difesa avversaria è apparsa tutt’altro che ermetica. Probabilmente ci si è illusi di poter ripetere l’impresa di Monza, ma la Sambenedettese dispone di giocatori di ottimo livello ed in più dispone di maggior freschezza e lucidità atletica.


La partita ha avuto un andamento piuttosto particolare: fino al gol i locali erano stati pericolosi soltanto colpendo i legni (ben 4), ma senza impegnare severamente Fumagalli. Anzi, è stato il Piacenza a costruirsi due belle occasioni, con Pesenti che prima arrivava per un soffio in ritardo su di una palla non trattenuta dal portiere e poi con lo stesso Pesenti che si vedeva annullare una rete per un dubbio fuori gioco. Tutto questo sullo 0-0.
 In questi casi sono gli episodi a decidere il risultato ed il rigore è stato uno di questi. Oltre tutto andava assolutamente fatto ripetere per l’evidente entrata in area anticipata di un giocatore della Samb.

Anche alcune decisioni arbitrali sono apparse discutibili, ma la sostanza della partita non cambia. L’impresa di passare il turno era per il Piacenza superiore alle sue forze. Ce ne eravamo accorti nella gara d’andata, ne abbiamo avuto la conferma alla “Riviera delle Palme”, dove il Piacenza ha pagato un’annata logorante e stressante con le ultime 4 partite giocate in 12 giorni. 
In chiusura gli sportivi piacentini (tanti hanno seguito la squadra in questa lunghissima trasferta) possono e devono essere orgogliosi e soddisfatti della loro squadra, che ha espresso valori superiori alle sue potenzialità grazie ad un impegno ed ad una dedizione superlativa guidata dall’eccellente Franzini.


Con questi basi si può costruire un ambizioso futuro, perchè c’è un campionato che il Piacenza ha vinto: quello del recupero del tifo. Anche i più scettici ed i i più refrattari si sono avvicinati alla squadra ed hanno cominciato ad amarla. E’ un patrimonio molto prezioso da cui i fratelli Gatti potranno trovare nuovo slancio e (si spera) nuove energie.

LA SINTESI (da Sportube.tv)

SAMBENEDETTESE-PIACENZA 3-1

Sambenedettese: Perina, Conson, Gelonese, Miceli, Bove (28’st Di Massimo), Bellomo (39’st Candellori), Rapisarda, Valente, Marchi (39’st Tomi), Miracoli, Patti (26’st Di Pasquale). A disp. Raccichini, Ceka, Mattia, Stanco, Demofonti, Filoia, Aridità. All. Francesco Moriero.

Piacenza: Fumagalli, Di Cecco (19′ Masciangelo), Pergreffi, Silva, Pesenti, Romero (16’st Corazza), Bini (16’st Di Molfetta), Della Latta, Taugordeau (30’st Franchi), Castellana, Segre. A disp. Basile, Lanzano, Mora,Masullo, Zecca. All. Arnaldo Franzini.

Arbitro: Lorenzo Maggioni di Lecco (Mokhtar-Lombardo).

Reti: 4’st rig., 43’st rig. Miracoli, 15’st Rapisarda, 45’st Franchi

Note: Ammoniti: Bini, Patti, Pesenti; angoli: 5-4; recupero: 1’+5′.

LA CRONACA

95′ – Finisce qui: Samb batte Piacenza 3-1. Biancorossi fuori dai play off

94′ – Valente si divora il 4-1 dopo un contropiede

90′ – Cinque di recupero

90′ – Accorcia il Piacenza con Franchi: punizione magistrale che si insacca al sette: 3-1

88′ – Ancora Miracoli dal dischetto che non sbaglia: 3-0

87′ – Di Massimo steso da Fumagalli in uscita: rigore

85′ – Doppio cambio Samb: fuori Bellomo e Marchi, dentro Candellori e Tomi. Gara che si avvia alla conclusione

78′ – Perina deve intervenire su una conclusione deviata da un difensore, palla in angolo. Dal corner nulla di fatto

76′ – Franzini inserisce Franchi al posto di Taugourdeau

74′ – Nella Samb esce Bove per Di Massimo

71′ – Conclusione di Masciangelo, palla alta. La Samb inserisce Di Pasquale per Patti che ritarda a uscire: ne nasce un parapiglia e arriva il giallo per lui e Pesenti

69′ – Giallo per Perina per perdita di tempo

62′ – Franzini cambia: dentro Corazza per Romero e Di Molfetta per Bini. Per il Piacenza adesso è durissima

60′ – Raddoppio Samb: bell’azione di Valente che crossa verso il centro, la palla è prolungata da un difensore del Piacenza e favorisce Rapisarda sul secondo palo che insacca di testa

55′ – Silva allontana sbracciando Gelonese che finisce a terra lamentando un colpo al volto. L’arbitro non prende provvedimenti

52′ – Cartellino giallo per Bini e Bellomo

50′ – Samb in vantaggio: Miracoli dal dischetto spiazza Fumagalli

49′ – Rigore Samb per un fallo di Castellana su Gelonese

48′ – Gran botta di Patti da fuori, ne esce una traiettoria che scavalca Fumagalli e si stampa sulla traversa: quarto legno per i padroni di casa

Via alla ripresa

46′ – Finisce il primo tempo: 0-0 tra Samb e Piacenza. Padroni di casa sfortunati con tre legni, per i biancorossi l’occasione del vantaggio è capitata sui piedi di Pesenti

45′ – Un minuto di recupero

43′ – Bellomo su punizione dai venti metri: deviazione della barriera e palla sulla traversa. Terzo legno per la Samb

41′ – Pesenti lanciato a rete scarta Perina e insacca, ma il guardalinee segnala il fuorigioco

40′ – Va al tiro Marchi da fuori area, conclusione debole che si spegne a lato

39′ – Si vede anche il Piacenza: Segre va al tiro dopo una bella azione corale: Perina in due tempi

34′ – Miracoli di testa su punizione, grande parata di Fumagalli che respinge sulla linea di porta

32′ – Botta improvvisa di Segre dalla lunga distanza, Perina respinge

30′ – Marchi va alla conclusione da fuori area sugli sviluppi di un corner, palla alta

26′ – Bella azione personale di Bellomo (il migliore fino a questo momento) che fa partire un tiro a giro, pallone che finisce sul palo esterno

24′ – Gelonese cerca una sponda per Rapisarda, esce in presa alta Fumagalli

20′ – Di Cecco non ce la fa, sostituito da Masciangelo. Cambio forzato per Franzini

15′ – Risponde la Sambenedettese: cross per Marchi che arriva in spaccata sul secondo palo ma non trova la porta. Nell’occasione problemi fisici per Di Cecco

14′ – Occasione Piacenza: grande giocata di Della Latta che va sul fondo e crossa per Pesenti che da due passi manda a lato

12′ – Samb vicinissima al vantaggio: cross di Rapisarda per Miracoli che anticipa tutti in area ma centra la traversa

10′ – Primi dieci minuti di gioco, nessuna occasione da segnalare

6′ – Tiro – cross di Rapisarda, Fumagalli blocca. Buona partenza della Sambenedettese

5′ – Altro corner per i padroni di casa, il Piacenza allontana

2′ – Cross pericoloso in area di Valente, Fumagalli riesce a smanacciare. Partenza forte dei padroni di casa

1′ – Via alla partita

Squadre in campo, clima caldissimo al Riviera delle Palme, circa 6mila gli spettatori

Formazioni

Sambenedettese: Perina, Conson, Gelonese, Miceli, Bove, Bellomo, Rapisarda, Valente, Marchi, Miracoli, Patti. A disposizione: Raccichini, Ceka, Mattia, Di Massimo, Stanco, Di Pasquale, Demunfonti, Candellori, Filoia, Tomi, Aridità. All.: Moriero.

Piacenza: Fumagalli, Di Cecco, Pergreffi, Silva, Pesenti, Romero, Bini, Della Latta, Taugourdeau, Castellana, Segre. A disposizione: Basile, Lanzano, Mora, Masciangelo, Corazza, Masullo, Di Molfetta, Zecca, Franchi. All.: Franzini.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.