PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Primo Maggio, tributo Anmil con la Treves Blues Band

Otto vittime sul lavoro (erano state 11 nel 2016) e 4.950 denunce di infortuni. In forte calo invece le denunce di malattie professionali. Sono alcuni dei dati che riguardano Piacenza forniti da Anmil in occasione del tradizionale tributo alle vittime del lavoro, in programma il primo maggio in Piazza Cavalli.

In Italia, nel 2017, sono stati 1.029 i morti sul lavoro in confronto ai 1.018 registrati nel 2016, con oltre 58mila casi di malattie professionali denunciate.

L’evento del primo maggio, dedicato a coloro che sul lavoro hanno perso la vita o l’integrità fisica, è realizzato in collaborazione con il Comune di Piacenza e la Fondazione Anmil Onlus. Protagonista quest’anno dalle ore 21 sarà la Treves Blues Band di Fabio Treves, la più conosciuta e longeva blues band d’Italia che nel 2014 ha festeggiato i suoi 40 anni di attività.

L’evento sarà aperto alle 18.30 da Mikeless, giovane artista piacentino che nell’occasione presenterà anche il suo nuovo lavoro discografico “L’onda”. Grazie alla Pro Loco di Borla (Vernasca) sarà possibile dal pomeriggio gustare torta fritta e salumi tipici piacentini.

Nel corso della mattinata una delegazione di Anmil sarà presente nelle varie celebrazioni del Primo Maggio in numerosi comuni della Provincia di Piacenza. In particolare, a Sarmato, Anmil ritirerà un riconoscimento per l’attività svolta a favore della prevenzione degli infortuni, della salute e sicurezza sul lavoro e della disabilità.

Il tributo Anmil è stato presentato nel corso di una conferenza stampa alla quale sono intervenuti gli assessori Luca Zandonella e Massimo Polledri, il Presidente Territoriale Anmil Giovanni Ferrari, Bruno Galvani, Presidente Fondazione Anmil onlus, il commerciante Valter Bulla e Danilo Callegari di IVRI Piacenza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.