PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il giovane Bindar (Boxe Piacenza) trionfa in Germania alla Black Forest Cup

L’ultimo week end di maggio ha riservato un vero tour de force per gli atleti della Boxe Piacenza, impegnati in prestigiosi tornei sul territorio nazionale e non, con quattro portacolori che hanno dimostrato tutto il loro valore tecnico agonistico.

In primis Alexandru Bindar il quale si è cimentato nel torneo giovanile a Villinghen (Germania), riportando una clamorosa quanto convincente affermazione nel torneo internazionale Black Forest Cup, che annoverava tra i partecipanti i migliori giovani pugili di 22 nazioni.

Bindar, categoria Junior 57 kg, accompagnato dallo storico maestro Giovanni Merisio e dal tecnico Nicola Campanini (vero leader del sodalizio biancorosso), ha superato ben tre incontri, aggiudicandosi un alloro che alla vigilia non era nelle più rosee previsioni, vista la rosa dei partecipanti.

L’atleta ha lasciato negli osservatori tracce di un pugilato spettacolare e al contempo redditizio; il prossimo traguardo sarà la conquista del titolo di Campione Italiano, sfida in programma a fine settembre, la cui vittoria gli permetterebbe di avere ulteriori attenzioni a livello nazionale. Il rumeno, solo quattordicenne, è riuscito nell’impresa mancata dai pugili biancorossi che, accompagnati dallo storico maestro Bruno Orsi, si sono cimentati sul prestigioso ring tedesco con alterne fortune.

Roberto Betancourt, impegnato nei campionati nazionali universitari, ha incrociato i guantoni in una combattutissima finale con D’Alessandro già nazionale, riportando una sconfitta per 4 a 1 che non rispecchia comunque l’andamento della contesa, risultata accesa e incerta fino all’ultimo. L’ecuadoriano naturalizzato piacentino, dopo una buona prima ripresa giudicata a favore del suo avversario, ha condotto il terzo tempo all’arma bianca, impegnando alla strenuo D’Alessandro, anche se i giudici hanno valutato diversamente la tenzone. Nonostante questa sconfitta Betancourt è ormai al vertice della propria categoria e sarà a sua volta protagonista delle prossime kermesse piacentine.

Impegnati anche Hjtai Juxhin sul ring di Locate Triulzi (Milano), dove però non è riuscito a esprimere tutto il potenziale a disposizione, rimediando una giusta sconfitta contro il pugile di casa, il rumeno Narcis Perca, esperto portacolori della Pugilistica Ottavio Tazzi di Milano. Un verdetto accettato di buon grado anche dal tecnico Antonio Pellini che ha accompagnato l’atleta sul ring milanese.

Torna sconfitto anche super massimo Alessandro Ratti che sul quadrato incontra un vecchio avversario, Mendez Nestor della palestra The Ring, che di misura riesce a imporsi sul piacentino, nonostante un pari non avrebbe dato scalpore.

Il direttore sportivo Thomas Bollani ed il presidente Antonio Orsi hanno espresso viva soddisfazione per il livello tecnico raggiunto dagli atleti, sottolineando il lavoro encomiabile svolto dal vivaio biancorosso, sempre teso a produrre pugili in grado di ben figurare su qualsiasi ring e certi che i prossimi impegni certificheranno queste impressioni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.