PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Via tre passaggi a livello a Villanova. Cantiere nel 2020

Partiranno indicativamente tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020 i cantieri per i lavori di soppressione di tre passaggi a livello (ancora da identificare) lungo la linea ferroviaria Fidenza – Cremona nel Comune di Villanova sull’Arda (Piacenza).

La Regione ha chiesto e ottenuto dal Ministero per le Infrastrutture l’inserimento dell’opera nel Piano operativo infrastrutture con assegnazione di nuove risorse sul Fondo sviluppo e coesione. L’annuncio è stato dato a Piacenza nel corso di una conferenza stampa nella sede della Provincia dall’assessore regionale alla mobilità Raffaele Donini.

Il costo previsto dell’operazione è di 5,1 milioni di euro, di cui 3 milioni a carico del Fondo sviluppo e coesione e 2,1 a carico di Rete ferroviaria italiana. Coordinerà e attuerà i lavori la Provincia di Piacenza.

“Grazie all’insistenza del territorio e dei consiglieri Katia Tarasconi e Gian Luigi Molinari abbiamo fatto ricadere in extremis sul territorio piacentino parte dei finanziamenti aggiuntivi del Fondo sviluppo e coesione – ha detto Donini -. Abbiamo considerato questo intervento prioritario per ridurre i rischi per la circolazione stradale e migliorare le condizioni di viabilità in una tratta in cui spesso i cittadini hanno segnalato disservizi e ritardi”.

L’intervento prevede la realizzazione di un attraversamento a livelli sfalsati della linea ferroviaria Fidenza – Cremona in variante all’attuale tracciato della SP 588R “dei Due Ponti”, strada di interesse regionale e parte dell’itinerario della Cispadana in territorio piacentino, e l’eliminazione del passaggi a livello nel comune di Villanova. Entro il 2018 – è stato spiegato – dovrà essere pronto il progetto definitivo e la gara appalto effettuata non oltre il dicembre 2019.

All’incontro hanno partecipato, tra gli altri, la vicepresidente della Provincia, Patrizia Calza, il consigliere provinciale con delega alla Mobilità Luca Quintavalla e il sindaco di Villanova d’Arda, Romano Freddi.

“Un importante risultato, a cui siamo arrivati grazie a un positivo gioco di squadra tra Regione, Provincia, Comuni e Rfi – ha commentato Quintavalla -. Il progetto consentirà di affrontare una problematica rilevante e da tempo irrisolta, con una duplice valenza: da un lato, permetterà di migliorare l’efficienza e la sicurezza della tratta ferroviaria Cremona-Fidenza, che per il nostro territorio interessa Castelvetro e Villanova; dall’altro, determinerà un miglioramento complessivo della viabilità della zona, con riduzione dei disagi per gli automobilisti attualmente causati dai tempi di attesa ai passaggi a livello. Inoltre – chiude il consigliere – l’intervento può rappresentare un avvio dell’itinerario Cispadano nel territorio provinciale, opera prioritaria e strategica per la zona della Bassa Piacentina”.

Da parte sua il sindaco Freddi, nell’esprimere “soddisfazione per un’opera fondamentale e necessaria per il territorio” ha chiesto che l’intervento “venga realizzato nel più breve tempo possibile: “Temo però – ha aggiunto – che i cinque milioni previsti siano insufficienti per realizzare l’opera; aspetto ora di capire dai tecnici il progetto definitivo”.

“Questo momento – ha concluso Patrizia Calza – è sia un punto di partenza che il traguardo di uno sforzo portato avanti nel tempo: si tratta di un obiettivo perseguito da tantissimi anni, vedere oggi che l’opera comincia a essere concretizzabile ci consente di tirare un sospiro di sollievo”.

Strade, linee ferroviarie regionali, rigenerazione urbana, ciclovie: i finanziamenti del Fondo sviluppo e coesione per l’Emilia-Romagna del 2018 –  L’intervento a stato approvato dal Cipe (Comitato interministeriale programmazione economica) all’interno del Piano operativo Infrastrutture con assegnazione di nuove risorse sul Fondo Sviluppo e Coesione 2014-2020. Per la Regione Emilia-Romagna sono stati stanziati 18 milioni di euro a fronte di un costo complessivo delle opere richieste di 29,9 milioni. Tali risorse si sommano a quelle del Piano operativo gia approvato dal Cipe a fine 2016 per oltre 271 milioni di euro a fronte di un costo complessivo di 344 milioni di euro, per interventi su strade statali, provinciali e comunali, nuove ciclovie di interesse regionale, interventi di rigenerazione urbana, messa in sicurezza di linee ferroviarie regionali e di dighe, rinnovo del materiale rotabile del trasporto pubblico locale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.