PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Le Rubriche di PiacenzaSera.it - Cinema

34 anni fa l’uscita di Ghostbusters: il fenomeno continua

Più informazioni su

“Sieti disturbati da strani rumori nel pieno della notte? Provate un senso di terrore in cantina o in soffitta? Voi o i vostri familiari avete mai visto spiriti, spiritelli o fantasmi? Se la risposta è sì, non esitate, prendete il telefono e chiamate gli Acchiappafantasmi”.

Chi di noi non ha mai sentito questa celebre citazione del film Ghostbusters?

A distanza di 34 anni dall’uscita nelle sale cinematografiche statunitensi – la prima si è tenuta a Los Angeles (Usa) l’8 giugno 1984 – il film cult continua ad appassionare grandi e piccini.

Ghostbusters è una pellicola diretta da Ivan Reitman e interpretato da un gruppo di attori provenienti dalla popolare trasmissione televisiva Saturday Night Live.

La scelta degli attori si è da subito dimostrata vincente: Bill Murray (dr Peter Venkman), Dan Aykroyd (dr Raymond Stanz), Harold Ramis (dr Egon Spengler), Ernie Hudson (Winston Zeddemore), Sigourney Weaver (Dana Barret) e Rick Moranis (Luis Tully).

La sceneggiatura, azzeccatissima. Siamo a New York, Peter Venkman, Raymond Stantz ed Egon Spengler, tre ricercatori universitari laureati in parapsicologia, che studiano con scarsi risultati i fenomeni paranormali, vengono contattati dalla Biblioteca Pubblica di New York sulla 5ª strada per un possibile avvistamento di un fantasma.

Ecco che il trio si trova per la prima volta faccia a faccia con un ectoplasma, quello dell’ex bibliotecaria Eleanor Twitty, la “Signora in Grigio”. Raccolti dei campioni, iniziano a valutare le potenzialità della scoperta, proprio mentre vengono cacciati dal rettore dell’Università per mancanza di risultati nei rispettivi ambiti di ricerca.

I compagni convincono Ray a mettere un’ipoteca sulla sua casa d’infanzia e con i soldi ottenuti dalla banca i tre intraprendono la loro nuova e avveniristica attività: quella di acchiappafantasmi a pagamento. Con il genio di Egon mettono a punto apparecchiature sofisticate e tecnologie all’avanguardia come lo zaino protonico (in grado di catturare l’energia psicocinetica dei fantasmi tramite flussi di particelle), il rilevatore di energia psicocinetica (che serve a rilevare la presenza di fantasmi) e le ghost-trap (in grado di intrappolarli).

I tre quindi acquistano un palazzo cadente, già sede dei Vigili del Fuoco, come loro quartier generale e una vecchia ambulanza, modificandola secondo le loro esigenze e chiamandola Ecto 1 (dal numero di targa). Assoldano Winston Zeddemore e il quartetto è ora al completo. A questo punto non resta loro che attendere le prime telefonate. ù

L’unica cliente è Dana Barret, una violoncellista che nel frigorifero di casa vede strane apparizioni di creature mostruose che pronunciano un nome: “Zuul”. Un dio malvagio di nome Gozer, giunto da un’altro mondo attraverso un portale dimensionale, ha intenzione di distruggere la Terra.

Gozer assumerà le gigantesche sembianze delI’omino Stay Puft dei Marshmallow. I quattro acchiappafantasmi, tra mille peripezie, riusciranno a salvare New York diventando così i beniamini dei loro concittadini.

Secondo un sondaggio effettuato nel 2000 dall’American Film Institute la pellicola è arrivata alla posizione numero 28 nella lista delle migliori 100 commedie statunitensi di sempre. Nel 2015 il lungometraggio campione d’incassi è stato scelto per essere conservato nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.

Nel 1989 ha fatto seguito un secondo film, Ghostbusters II ancora una volta diretto magistralmente da Ivan Reitman e con gli stessi attori protagonisti. Questa volta i quattro acchiappafantasmi sono alle prese con Vigo von Homburg Deutschendorf, un tiranno carpatico del XVI secolo, pronto a reincarnarsi per dominare la Terra.

Sono seguiti oltre 30 anni di silenzio cinematografico. Tuttavia nel piccolo schermo sbarca il cartoon The Real Ghostbusters (poi Slimer and the Real Ghostbusters). Una serie televisiva, a cartoni animati, basata sul film Ghostbusters. Venne prodotta negli States e andò in onda dal 1986 al 1991, in Italia è stata trasmessa dalle reti Mediaset. Si compone di 140 episodi, divisi in 7 stagioni. La serie, nata proprio come trasposizione del film del 1984 Ghostbusters, racconta le avventure di 4 cacciatori di fantasmi in una New York costantemente presa d’assalto dalle forze soprannaturali.

In varie città del mondo (Italia compresa) ha iniziato a prendere piede il fenomeno Ghostbusters, con diversi gruppi nati con lo scopo di associarsi per condividere questa passione e fare cosplay. E i prodotti di merchandising, negli ultimi anni – specialmente quelli fuori produzione – hanno subito un forte rincaro. Su eBay e altri siti di e-commerce c’è chi è pronto a spendere diverse migliaia di euro per gadget, ghost-trap e zaini protonici (i più ambiti sono i prodotti della Mattel). Lego e Play Mobil hanno prodotto la loro versione dell’arcinota Fire House, dei protagonisti e dell’Ecto 1.

Nelle fumetterie e su Amazon è possibile acquistare t-shirt, toppe, tazze, e persino calze con l’inconfondibile logo del fantasmino bianco all’interno del cerchio rosso barrato (un logo diventato ormai icona, è stato creato dal produttore Michael C. Gross, che prima di entrare nell’industria cinematografica ha lavorato come consulente artistico per I Muppets, John Lennon e i Rolling Stones).

Su internet non mancano statuine, poster e pupazzi che riproducono i personaggi e gli strumenti in dotazione agli acchiappafantasmi. Anche Monopoly ha dedicato una versione dedicata all’universo di Slimer (il fantasma verde, simpatico compagno di avventure). Diversi altri board game, che stanno spopolando tra gli appassionati, propongo una modalità cooperativa tra i giocatori. Ad Halloween, poi, c’è qualcuno che preferisce indossare i panni degli acchiappafantasmi invece che travestirsi da mostro o vampiro.

Cavalcando l’entusiasmo dei fans, nel 2016 la Sony Pictures ha fatto uscire il reboot Ghostbusters. Questa volta la regia è stata affidata a Paul Feig. E protagoniste sono Kristen Wiig, Kate McKinnon, Leslie Jones e Melissa McCarthy. Abby Yates, interpretata da Melissa McCarthy, è un’autrice e studiosa del paranormale, disposta a tutto pur di dimostrare le sue teorie sul paranormale.

Erin Gilbert, interpretata da Kristen Wiig, è una professoressa della Columbia University, co-autrice di un libro sui fantasmi della Yates e sua migliore amica. Jillian Holtzmann, interpretata da Kate McKinnon, è un’ingegnere nucleare, ribelle e coraggiosa, un genio nel costruire macchinari sofisticati e avveniristici. Patty Tolan, interpretata da Leslie Jones, è un’operaia della metropolitana di New York che si unisce alle acchiappafantasmi dopo averle viste intrappolare un fantasma nei tunnel della metro. Infine, Kevin Beckman, interpretato da Chris Hemsworth (attore noto per essere il volto di Thor della Marvell, ndg), è l’affascinante e palestrato segretario delle quattro ragazze, l’uomo perfetto se non fosse per l’estrema tontolaggine che lo contraddistingue.

I fans più radicali, alcuni critici cinematografici e inizialmente persino l’attore Ernie Hudson (Winston Zeddemore) sono stati contrari fin dall’annuncio all’idea di girare un remake costringendo anche il regista Paul Feig e il presidente della Sony Pictures stessa, Tom Rothman, a rispondere a tono con alcuni comunicati stampa. Il trailer del film su YouTube è il trailer col maggior numero di “non mi piace”.

Tuttavia il fenomeno non è destinato ad arrestarsi. Negli ultimi due anni, Edoardo Stoppacciaro (noto attore e doppiatore italiano) ha riunito un gruppo di professionisti di tutti i settori cinematografici, accomunati dalla passione per “Ghostbusters”, con il solo scopo di realizzare il suo sogno: un lungometraggio dedicato agli Acchiappafantasmi ambientato in una Roma assalita da ectoplasmi.

L’idea alla base di “REAL!” è di far tornare i Ghostbusters sul grande schermo, un omaggio a tutti quei fan innamorati dei due cult degli anni ’80, con un nuovo capitolo che resti fedele a quell’universo narrativo.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.