PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Accorpamento competenze fallimentari a pochi tribunali, anche Piacenza penalizzata”

“Accorpare le competenze fallimentari in capo a pochi tribunali di medio-grandi dimensioni rappresenterebbe una grave penalizzazione per i territori, gli operatori professionali e le imprese”.

E’ la denuncia dell’onorevole Tommaso Foti, deputato di Fratelli d’Italia, che ha rivolto, sul tema, una interrogazione al Ministro della Giustizia: “La strada imboccata ad ottobre 2017 con la delega al Governo per la riforma delle discipline della crisi di impresa e dell’insolvenza” – spiega Foti – lascia poco spazio ai dubbi. Gli effetti nefasti, nella sola Emilia-Romagna, colpirebbero tribunali come Piacenza, Ferrara, Ravenna e Forlì. Questi, infatti, in forza della nuova legge non avrebbero più procedimenti concorsuali, né giudici delegati e, dunque, perderebbero tutte le attività connesse”.

Uno scenario inaccettabile per il parlamentare di Fratelli d’Italia: “Oltre agli scontati problemi logistici per gli operatori del diritto, anche per i territori si andrebbe incontro a gravi disagi. Si pensi per esempio – sostiene Foti – a tutti gli attori che concorrono ai diversi livelli delle “crisi aziendali”: avvocati, notai, commercialisti, ingegneri, architetti. I professionisti verrebbero privati di interlocutori competenti ed a stretto contatto con i territori, con un impoverimento vero e proprio per le realtà colpite. Non solo, ma il disagio andrebbe a detrimento anche di tutti quegli imprenditori (grandi e piccoli) che non troverebbero più nel contesto in cui operano i necessari punti di riferimento di specialisti in materia di “crisi d’impresa”.

Per il deputato piacentino del movimento politico di Giorgia Meloni il percorso intrapreso è del tutto errato: “Svuotare i tribunali medio-piccoli delle competenze in materia di fallimenti – spiega Foti – sarebbe sicuramente causa di pesanti rallentamenti delle procedure, essendo ben noto come i tribunali medio-grandi abbiano già un carico di arretrato notevole, che sarebbe destinato a crescere in modo esponenziale a causa dell’ulteriore carico di lavoro frutto di un eventuale accorpamento”.

L’appello di Foti al Ministro Bonafede è accorato: “Il Governo rinunci ad esercitare la delega nella parte in cui dispone l’individuazione dei tribunali concorsuali. Procedere lungo il tracciato ereditato dalla sinistra – conclude Foti – rappresenterebbe infatti un ulteriore passo verso la morte della cosiddetta “giustizia di prossimità”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.