PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Agente di Polizia Penitenziaria aggredita alle Novate”

Più informazioni su

Aggressione da parte di una detenuta appartenente al regime 416 bis del reparto femminile del carcere di Piacenza. A riferire dell’aggressione Gennaro Narducci, segretario regionale del sindacato Ugl polizia penitenziaria.

Secondo la nota una detenuta ha mandato in ospedale una giovane agente di Polizia Penitenziaria per “banali motivi”.

“Detenuti che ormai quotidianamente si rifiutano di seguire le regole dell’ordinamento penitenziario. Ormai è un bollettino di guerra e gli agenti aggrediti sono troppi” – spiega  Narducci, che vuole fare sentire la solidarietà dell’Ugl penitenziaria.

“A lei la nostra solidarieta, è ora che la Direzione e il Comando prendano seri provvedimenti nei confronti di questa detenuta applicando le giuste sanzioni disciplonari prteviste dall’ordinamento penitenziario.”

Aggredita alla casa circondariale di Piacenza una Poliziotta – La nota di Fp Polizia Pentienziaria

Fp Cgil polizia penitenziaria: solidarietà all’agente della penitenziaria che nella giornata di oggi, sabato 2 giugno 2018, è stata aggredita alla casa circondariale di Piacenza da una detenuta. L’agente è stata costretta a ricorrere alle cure del Pronto soccorso per le lesioni riportate.

“Ogni giorno è un bollettino di guerra negli istituti – afferma, in una nota, Santo Guercio della Fp Cgil di Piacenza – poiché numerosi sono le aggressioni che i Poliziotti penitenziari subiscono nell’espletamento del mandato istituzionale. Auspichiamo che il nuovo ministro Alfonso Buonafede possa aprire un tavolo di confronto con le organizzazioni sindacali per far fronte ad una situazione divenuta insostenibile”.

Tra i problemi denunciati più volte, il mancato pagamento degli straordinari è uno dei più sentiti. “E’ vero – conferma Guercio – ai poliziotti non vengono più pagati gli straordinari. Si lavora di più, e lo si fa in condizioni pessime, e in questo contesto non si è nemmeno pagati a fine mese. Attualmente, il monte-ore di straordinario non pagato viene accantonato in attesa di nuove risorse.

La Cgil ha messo in campo la campagna “dentro a metà” a livello nazionale per evidenziare la criticità del lavoro del poliziotto penitenziario. Criticità che anche a Piacenza pesano” conclude Santo Guercio della Fp Cgil di Piacenza.

La nota stampa della segreteria regionale Sinappe – Stavolta è stata una donna del Corpo a subire l’ennesima, grave aggressione da parte di una detenuta ristretta presso la Casa Circondariale di Piacenza. La collega, in data odierna, 02/06/2018, che sarebbe intervenuta a tutela di un’infermiera aggredita verbalmente dalla detenuta in questione, avrebbe ricevuto un forte schiaffo in pieno volto che le avrebbe provocato lividi e tumefazioni guaribili in 15 giorni, così come certifcato dal pronto soccorso del
nosocomio cittadino.

Nell’esprimere solidarietà alla poliziotta vittima della suddetta aggressione, oltre che gli auguri di una pronta guarigione, siamo ancora una volta a denunciare l’assordante silenzio dell’Amministrazione che continua a non prendere alcun
provvedimento per arginare l’escalation di episodi di sifatta violenza subiti, quasi ogni giorno, da donne e uomini del Corpo di Polizia Penitenziaria.

Possiamo dire che, per l’ennesima volta, le conseguenze dell’aggressione non sono state drammatiche, ma non possiamo più accettare che si resti inermi ed immobili di fronte alle continue intemperanze dei detenuti che, continuando con questo andazzo, prima o poi sfoceranno in episodi ben più gravi di cui i vertici dell’Amministrazione Penitenziaria dovranno rispondere in prima persona.

La speranza è che il nuovo Esecutivo, fresco di giuramento innanzi al Capo dello Stato, tenga fede ai buoni propositi, inseriti nel contratto di Governo, inerenti la gestione del “sistema giustizia” in generale e di quello penitenziario in particolare
e torni a dare priorità al tema della tutela psicofsica del personale in divisa.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.