PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Arresti Premium Net, Usb “Ci costuiremo parte civile”

Più informazioni su

“Ci costituiremo parte civile e vorremmo che questo fosse un processo al modello degli appalti e che non resti confinato alla logistica”. A parlare Pierpaolo Leonardi dell’esecutivo confederale Usb, presente nella mattina dell’11 giugno insieme ad altri delegati del sindacato davanti alla sede dell’ispettorato del lavoro di Piacenza (nelle foto).

Usb

Una conferenza stampa indetta a pochi giorni dagli arresti eseguiti dalla guardia di finanza a Nettuno nei confronti del numero uno del consorzio Premium Net e di altri collaboratori, cerchio di misure cautelari che si sarebbe ulteriormente allargato nelle ultime ore. Un provvedimento che ha suscitato grande soddisfazione nel sindacato, che da tempo porta avanti la protesta nel magazzino di Castel San Giovanni.

“Oggi siamo qui per comunicare ai piacentini che inizialmente erano scettici sulle nostre denunce che la verità è arrivata e in maniera veloce, una prima battaglia e un muro di omertà e complicità che crollano” – commenta nell’intervista Riadh Zaghdane, responsabile nazionale settore logistica di Usb . “Ora questo non è sufficiente, la seconda fase è chiedere la stabilizzazione dei lavoratori, risanare il pregresso contributivo e retributivo e rimuovere i provvedimenti disciplinari che hanno colpito i lavoratori Usb”.

Usb

“Ci costituiremo parte civile – aggiunge Leonardi -; noi faremo di tutto perché questo processo diventi un elemento per riaprire la discussione su un mondo del lavoro ‘sregolamentato’ e su chi fa un utilizzo spregiudicato della normativa appalti. Chiediamo inoltre alla Procura di togliere ogni addebito ai nostri delegati (attualmente nel Piacentino sarebbero 46 gli iscritti al sindacato denunciati a vario titolo nel corso delle manifestazioni ndr), perché se reati ci sono stati erano solo per dimostrare che li stavano commettendo altri”.

“Vogliamo anche sottolineare che c’è un apparato che ascolta, siamo molto grati all’ispettorato del Lavoro, che ha dimostrato una professionalità e una disponibilità molto alta”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.