PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Chi troppo azzarda non piglia pesci”, immagini e rap degli studenti contro le dipendenze

Evento finale nell’aula magna della scuola Calvino di Piacenza per il progetto “Quando i conti non tornano”, finanziato dal Comune di Piacenza nell’ambito del Piano di zona per la salute e il benessere sociale e realizzato dalla cooperativa sociale L’Arco (capofila), in collaborazione con l’Università Cattolica e le associazioni Concorto e La Ricerca.

Un’iniziativa, incentrata sul tema delle dipendenze dai media e dalle tecnologie, che ha visto la partecipazione di tre scuole secondarie di primo grado della città, e in particolare delle classi 2A e 2G della Dante, 3I e 3O dell’Anna Frank e 2A (sede di via Stradella) e 2C (sede di via Boscarelli) della Calvino, per un totale di 140 studenti coinvolti.

Configurato come ricerca-azione volta a stimolare la consapevolezza del funzionamento del gioco d’azzardo e la conoscenza dei meccanismi che possono indurre dipendenza, il progetto si è svolto attraverso una serie di laboratori condotti da docenti della Facoltà di Scienze della formazione della Cattolica e dagli operatori ed educatori dei tre sodalizi. I ragazzi, anche attraverso animazioni e giochi di ruolo, sono stati coinvolti nell’analisi delle immagini delle pubblicità e dei media, per riconoscerne schemi e messaggi e per sviluppare un conseguente pensiero critico. Successivamente sono stati incoraggiati a produrre in prima persona messaggi e immagini, per riflettere sul gioco d’azzardo, sulle convergenze tecnologiche e sull’utilizzo degli smartphone.

Giovedì, dopo i saluti del sindaco Patrizia Barbieri e dell’assessore alle Politiche scolastiche ed educative Erika Opizzi, che ha sottolineato l’importanza del progetto e quanto sia fondamentale che i ragazzi siano sempre più informati sul tema delle dipendenze e sulle drammatiche conseguenze che ne derivano, sono intervenuti Stefano Sandalo, direttore della cooperativa L’Arco, la dirigente della scuola media Calvino, Elisabetta Ghiretti e Anna Paratici, docente dell’Università Cattolica. La mattinata è poi proseguita con la presentazione dei risultati dei laboratori: tre prodotti audiovisivi che i ragazzi, utilizzando immagini, parole e brani di musica rap, hanno realizzato per comunicare il loro messaggio.

Temi centrali dei video, il gioco d’azzardo che genera illusioni nelle persone e l’utilizzo dei telefonini che crea dipendenza e allontana i ragazzi dalla vita reale: “chi troppo azzarda non piglia pesci” e “con l’azzardo falla finita, inizia a giocare una vera partita” sono alcuni dei motivi ascoltati. In conclusione, Giuseppe Magistrali, funzionario del Comune di Piacenza, è intervenuto per presentare alcuni dati relativi alla diffusione del gioco d’azzardo e per ribadire come sia importante riconoscere i meccanismi che legano le persone al gioco per non cadere nella sua trappola.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.