Quantcast

A Giuseppina Schiavi il premio Santa Maria del Monte

Andrà a Giuseppina Schiavi il Premio Solidarietà per la Vita S. Maria del Monte, giunto quest’anno alla 28esima edizione.

Ad assegnare il riconoscimento, finalizzato a riconoscere atti e comportamenti di solidarietà umana per la promozione e la difesa della vita, la commissione aggiudicatrice riunita in Prefettura e presieduta dal Prefetto Maurizio Falco: con lui sono intervenuti Corrado Sforza Fogliani, Presidente del Comitato Esecutivo della Banca di Piacenza, Mons. Domenico Ponzini, Responsabile dell’Ufficio Beni Culturali della Curia Vescovile di Piacenza, Don Gianni Quartaroli, Rettore del Santuario del Monte, Franco Albertini, Sindaco Alta Val Tidone, e Giuliana Ceriati, ispettrice delle Infermiere Volontarie della Croce Rossa.

II premio verrà consegnato dal Prefetto domenica 24 giugno alle ore 18 al Aantuario di Santa Maria del Monte, raggiungibile dalla strada che collega Trevozzo a Tassara.

Giuseppina Schiavi ha maturato una lunga carriera nella Pubblica Amministrazione prestando la propria attività a Piacenza, Parma, Cremona e Forli, rivestendo anche alti incarichi ispettivi e in Comitati e Commissioni presso il Ministero dell’Industria, Commercio e Artigianato.

Nel 1990 è stata nominata Cavaliere al Merito della Repubblica e Revisore dei Conti. Benchè svolga attività di volontariato e sostegno in diverse Associazioni, quali Coordinamento Donne CISL, Centro Italiano Femminile, Gruppo di Azione Cattolica, Adiconsum, l’impegno più rilevante è quello profuso nella gestione della Casa di Accoglienza Protezione della Giovane di Piacenza. La struttura ospita giovani donne costrette a vivere lontano dalla loo famiglia o dal loro paese per motivi di lavoro, di studio o di salute.

Da quattro anni l’impegno è divenuto ancora piu forte in considerazione dell’attivita crescente in favore delle ragazze, tra cui richiedenti asilo spesso anche vittime di violenza. La dedizione della Dr.ssa Schiavi alla Sua missione di solidarieta è pressochè totale. Ascolta e assiste le giovani donne fornendo loro sostegno per una proficua integrazione sociale, mirando alla cura del sè, alla conoscenza delle regole, al rispetto degli altri, ad essere buone madri e ad accudire i loro bambini.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.