PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Light as Revelation, a Villa Serbelloni la personale di Franca Franchi

Il tradizionale appuntamento estivo di Villa Serbelloni (Bellagio – Como) con la grande scultura italiana contemporanea prosegue per la stagione 2018 con l’opera dell’artista piacentina Franca Franchi, che nel 2014 ha fondato – unica donna in Italia – il movimento “Zen in Art per un’estetica Zen”, avallato nel 2015 dal critico d’arte Gillo Dorfles.

Affacciatasi all’arte nel 2008, dopo oltre vent’anni di professione forense e attraverso un percorso non accademico, Franca Franchi assembla materiali riciclati come frammenti di specchio, vetri multistrato o satinati, cristalli e acciaio per dare vita a sculture luminose, opere uniche dal forte impatto simbolico. Anche i suoi gioielli (collezioni “Haiku” di sculture da indossare) sono elaborati dall’artista secondo l’estetica zen dell’asimmetria, della sobrietà e della naturalezza.

Per Franca Franchi il processo creativo è sempre un momento di meditazione, l’illuminazione di un istante, una tappa di crescita umana e spirituale.
Più di recente l’artista ha realizzato sculture ambientali di grandi dimensioni, modellando fogli di acciaio inox tra le cui pieghe inserisce cristalli multistrato e luci a led; sono opere astratte dalle forme armoniose, eleganti ed evocative: sembrano giungere da molto lontano come astronavi spaziali o vascelli fantasma, sono paesaggi interiori di un altro tempo e forse di un’altra dimensione.

Light as Revelation è, dunque, il racconto di un viaggio dentro la consapevolezza del proprio stare al mondo, qui e ora. L’uso di materiali poveri impreziositi dalla luce diventa il tentativo dell’artista di cogliere l’essenza più intima della natura e della bellezza. Anche i titoli di alcune opere recenti come Imparare a morire è imparare a vivere, oppure Udire le verità che sono in me suggeriscono la forza dell’arte come rivelazione: nulla si distrugge nel flusso della vita; tutto si trasforma nella continuità.

L’antologica allestita nella Sala Breva del G. H. Villa Serbelloni presenta più di venti lavori tridimensionali: sculture da interni, installazioni da esterni e sculture-gioiello. Attraverso queste opere l’artista piacentina, classe 1961, rende tangibile la dialettica tra gli opposti dell’estetica zen, offrendo anche all’Occidente contemporaneo una forma d’arte capace di penetrare la struttura del mondo che lo circonda.

Scheda della mostra

LIGHT AS REVELATION – Franca Franchi. Sculture e gioielli Sede: G. H. Villa Serbelloni, Sala Breva, Via Roma, 1 – Bellagio, Como Date: 3 – 15 luglio 2018

Orari: Tutti i giorni dalle ore 10 alle 19
Ingresso Libero
Info: ff.francafranchi@gmail.com – tel. +39 3383186409

Biografia – Franca Franchi nasce nel 1961 a Piacenza. Dopo gli studi classici nella sua città e la laurea in Giurisprudenza a Parma, si dedica alla professione di avvocato dimenticando l’inclinazione artistica che fin dall’infanzia l’aveva portata a partecipare con successo a numerosi concorsi pittorici.

Alla fine del 2008, però, alcuni traumatici cambiamenti nella sua vita privata da un lato e l’incontro con la ricerca sui cristalli d’acqua del giapponese Masaru Emoto dall’altro, la spingono a risvegliare quella parte di sé che era rimasta troppo a lungo ignorata. Inizia così un periodo di forte produzione scultorea e di intensissima partecipazione a mostre ed esposizioni, sia in spazi privati che pubblici, in Italia e all’estero.

Nel 2010 nascono le sculture da indossare, piccole composizioni di paste vitree e specchio su acciaio montato su filo in acciaio e nel 2011 le sculture luminose. Il linguaggio artistico di Franca Franchi gradualmente s’indirizza su forme più essenziali e monumentali, alla ricerca di una bellezza solida e armoniosa.

Abbandonata definitivamente la carriera forense, nel 2014 – prima donna in Italia – fonda il Movimento “Zen in Art – per un’estetica Zen”, con mostre patrocinate dal Consolato Generale del Giappone (2014) e curate da Gillo Dorfles (2015).
Nello spesso periodo presenta la collezione di gioielli “Haiku”, ispirati all’estetica Zen, alla Galleria Biffi Arte di Piacenza (2015) e alla Galleria Rossini – Gioielli d’Autore di Milano (2016). Per le mostre più recenti si rimanda al sito www.francafranchizeninart.com

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.