PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

“Nuova caserma a Podenzano, costi siano correlati all’entità dell’opera”

“Non siamo assolutamente contrari alla realizzazione della Caserma, ma i costi devono essere correlati all’entità dell’opera”. Riccardo Sparzagni e Matteo Sbruzzi, consiglieri comunali del Gruppo “Cominciamo il Futuro” tornano sulla questione del progetto della nuova caserma dei carabinieri a Podenzano (Piacenza), replicando al sindaco Alessandro Piva.

“Dal momento che l’intervento sarà finanziato per la maggior parte con i soldi dei contribuenti, – afferma Sbruzzi – è importante conoscere con precisione la spesa a cui andiamo incontro. A fronte della riduzione del progetto si è registrato un incremento di costi che non trova giustificazione.”

“Ho votato contro alle delibere propedeutiche alla realizzazione della Caserma – aggiunge Sparzagni – perché non condivido il progetto nella sua interezza. Il progetto, infatti, prevede anche la realizzazione di un grosso centro commerciale di cui Podenzano non ha certamente bisogno. La nuova struttura dovrebbe essere occupata dalla Coop di Podenzano che si trasferirà dalla struttura attuale. Se così fosse all’interno dell’area urbana rimarrebbe un altro Supermercato vuoto, il terzo in pochi anni”.

“Ho votato contro ad una variante al PSC che consentirà di realizzare la caserma su suolo di proprietà comunale, quando c’era ampio spazio all’interno dei 18.000 mq privati dove sorgerà il Centro Commerciale. Per quale motivo avrei dovuto votare a favore?”.

“Se la caserma migliorerà la sicurezza in paese non so dirlo – conclude -, di certo rappresenterà un’importante opera per la quale il Sindaco sta facendo grandi sforzi. Ma se la domanda è: la Caserma a tutti i costi? Bene, la mia risposta è no.”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.