PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Nuovo ospedale, prima l’area o prima i soldi? Botta e risposta Pd-Barbieri

Nuovo ospedale di Piacenza, tiene banco il dibattito sul progetto che venerdì prossimo approderà all’esame del consiglio comunale con una seduta ad hoc. E il “balletto”, prima la scelta dell’area o prima le risorse, prosegue.

A una nota del Partito Democratico di Piacenza che chiede all’amministrazione comunale di “decidere su quale area insediare il nuovo ospedale per non perdere i finanziamenti” più volte promessi dalla Regione Emilia Romagna, replica il sindaco Patrizia Barbieri.

Nel suo intervento, il primo cittadino, solleva ancora una volta il tema delle risorse economiche necessarie: “Per la realizzazione del nuovo ospedale – sottolinea – la Regione ha espresso la volontà di contribuire con una cifra non superiore a 100 milioni di euro, mentre la restante somma dovrà essere stanziata dall’Asl”. “Mi aspetto quindi che l’Azienda sanitaria – afferma – comunichi anche al Comune, e non solo alla Segreteria di un partito, il Piano economico-finanziario relativo alla nuova erigenda opera”.

Di seguito i due interventi integrali.

IL TESTO della nota Pd – Riteniamo quanto mai chiaro l’intervento del Presidente della Regione Stefano Bonaccini, che in realtà fa seguito a diversi altri precedenti dello stesso tenore, sulla questione posta dal Sindaco Patrizia Barbieri in relazione a chi finanzierà il nuovo ospedale e in che misura.

Una questione che pensavamo risolta nel corso dei mesi che si sono succeduti all’insediamento della corrente Amministrazione comunale: la Regione c’è, ripete Bonaccini sottolineando l’intenzione di mettere a bilancio regionale 100 milioni di euro finalizzati al progetto. Altri 100 milioni potranno essere a carico dell’Azienda sanitaria.

Ora il Comune faccia la sua parte: decida l’area dove costruire il nuovo Ospedale, pena il rischio di perdere i finanziamenti in considerazione del fatto che il Bilancio nel quale stanziare le risorse necessarie sarà l’ultimo del quinquennio regionale e in ragione dell’agguerrita concorrenza che territori molto vicini a noi stanno attuando per candidarsi a raccogliere ciò che Piacenza rifiuterebbe, con ciò consegnando ad altri l’opportunità di una struttura d’eccellenza propedeutica ad una sanità d’eccellenza.

Del resto l’impegno della Regione è sempre stato costante e concreto, come dimostra il Protocollo d’intesa firmato nel febbraio 2017 tra Ministero della Difesa, Agenzia del Demanio, Regione Emilia-Romagna, Comune e Azienda USL di Piacenza per la riqualificazione urbana della città senza nuovo consumo di suolo, con il quale si faceva esplicito riferimento alla realizzazione di un nuovo ospedale nella città di Piacenza in area pubblica.

Ecco la replica del sindaco di Piacenza Patrizia Barbieri – Nuovo ospedale, il sindaco Barbieri risponde al Pd. “Partecipino a un dibattito utile per la città, riduttivo parlare solo delle aree”.

“Leggendo il comunicato del Partito Democratico e le sue esortazioni in merito alla scelta dell’area in cui realizzare il nuovo ospedale, devo purtroppo constatare come, ancora una volta, gli esponenti del Pd persistano nel condurre il gioco delle tre carte, anziché partecipare in modo costruttivo a un dibattito utile e complesso sul futuro della sanità piacentina”. Così il sindaco Patrizia Barbieri replica alla nota diffusa dalla Segreteria provinciale e dagli amministratori del Pd, rimarcando con forza che “è riduttivo parlare solo dell’area”.

“Per la realizzazione del nuovo ospedale – sottolinea il primo cittadino – la Regione ha espresso la volontà di contribuire con una cifra non superiore a 100 milioni di euro, mentre la restante somma dovrà essere stanziata dall’Asl. Pare quindi evidente che, nel momento in cui si esamina un bilancio consuntivo (come è accaduto nei giorni scorsi), da cui si evince che le capacità di indebitamento dell’Azienda sono esigue e risultano pochi beni da alienare per recuperare liquidità, una seria Amministrazione si ponga il tema di come l’ulteriore e necessaria somma, non inferiore a 100 milioni di euro, verrà reperita”.

“Ora – aggiunge il sindaco – non avendo la Regione riferito l’intenzione di farsi carico diretto dell’intero costo per la realizzazione del nuovo ospedale, non mi sembra certo un inutile orpello domandare su chi graverà e come verrà coperta l’intera spesa necessaria per la nuova struttura. Apprendo, dal comunicato della Segreteria Pd, che il soggetto pagatore sarebbe l’Asl. Bene: mi aspetto quindi che l’Azienda sanitaria comunichi anche al Comune, e non solo alla Segreteria di un partito, il Piano economico-finanziario relativo alla nuova erigenda opera”.

“Nella seduta di Consiglio comunale dell’8 giugno prossimo – ribadisce Patrizia Barbieri – il direttore dell’Asl, ingegner Baldino, illustrerà le quattro proposte. Si stia certi che, una volta ottenuta la garanzia su ciò che si farà dell’attuale comparto ospedaliero e della necessaria provvista economica per la costruzione del nuovo ospedale, la risposta dell’Amministrazione comunale sarà celere. Di certo non intendiamo perdere tempo, come il Pd sembra invece ostinarsi a fare, nel reiterare sterili polemiche, o al contrario agire in modo superficiale e frettoloso, senza assumerci la responsabilità di una scelta ponderata, che deve tenere conto di tutte le variabili”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.