“A Piacenza il fenomeno del caporalato non è critico”

“A Piacenza la situazione del caporalato non è critica“. A commentare la presenza e la diffusione del fenomeno di intermediazione illegale del lavoro sul nostro territorio è il coordinatore degli ispettori del lavoro di Piacenza Luigi Maddaloni, intervistato nel corso della conferenza stampa in cui l’Ente ha presentato i risultati annuali.

Direzione provinciale del lavoro

“Dai nostri dati del 2017 emerge una situazione sostanzialmente non critica relativamente al caporalato, nel senso che fenomeni estesi di questo tipo non ne abbiamo riscontrati” sottolinea il coordinatore.

Secondo Maddaloni nel Piacentino non c’è un sistema strutturato che possa essere inteso in questo senso; rilevanti invece gli aspetti dell’evasione contributiva, assicurativa e delle false compensazioni, così come le problematiche legate a cooperative pure e spurie, che cambiano frequentemente soggetti o la fisionomia della struttura.

“Non escludo però, che all’interno del sistema della logistica, più che in altri settori, si possa verificare questo tipo di fenomeno, che comunque potrebbe essere attenzionato da parte nostra, perché nell’ambito di quel settore siamo molto attenti, non da adesso ma da anni.”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.