PiacenzaSera.it -  Notizie in tempo reale, news a Piacenza, cronaca, politica, economia, sport, cultura, spettacolo, eventi ...

Il secondo #fuoriporta in edicola da domani

Sabato 30 giugno, a distanza di due mesi dalla prima uscita, sarà già in edicola il secondo volume di #fuoriporta, la guida a cui fare riferimento per scegliere la meta piacentina dei vostri weekend o dei vostri giorni di vacanza.

Si rinnova, infatti, la collaborazione tra Officine Gutenberg e Editoriale Libertà. Il secondo volume di #fuoriporta sarà in vendita a euro 9.90, oltre al costo del quotidiano.

Nuovi gli itinerari proposti, con 12 gite nuovissime per conoscere meglio alcuni luoghi già noti della nostra provincia, e altri che invece sono quasi completamente da scoprire.

Come il primo volume, anche questo secondo #fuoriporta non si limita a parlare di percorsi, ma va oltre toccando la storia del nostro territorio, vedi l’Abbazia di Chiaravalle o il Monastero della Val di Tolla, attraversando le diverse tradizioni come diverso è il territorio piacentino.

Si passerà dalle nostre montagne come con la gita in Alta Val d’Aveto, scendendo verso le dolci colline della Val Luretta, fino ad arrivare alla pianura e al Po. Tutto questo senza dimenticare gli approfondimenti sulla parte culinaria (quella non deve mai mancare!) con i consigli e i suggerimenti della Confraternita dei Grass.

Altri 12 viaggi nella nostra splendida provincia, in mezzo a tutti i colori e i sapori che il nostro territorio sa offrire tutto l’anno, ed in particolar modo adesso, in estate, una stagione perfetta per scoprire tutta la meraviglia che ci circonda, passando da un’estremità all’altra della provincia di Piacenza.

Ecco i nuovi itinerari in edicola a partire da sabato 30 giugno

Il grande fiume Po e il Guado di Sigerico.

Chiaravalle della Colomba, la Via dei Monasteri Regi e il vino monterosso.

La dolce val Luretta e il castello di Monteventano.

I monti di Pecorara: Aldone e Ciarello.

Piani d’Aglio e Pradovera.

Due piccoli gioielli, un po’ nascosti: i laghi Moo e Bino.

La cresta sud della Pietra Parcellara e il Mezzano Scotti.

Cerignale, Cariseto e il monte delle Tane.

La selvaggia val Boreca: un vero e proprio paradiso perduto.

L’alta val d’Aveto: il monte Caucaso e le sorgenti del torrente.

I monti di Vezzolacca (Palazza, Costaccia e Mu) e il borgo medievale di Vigoleno.

ll Groppo di Gora e monte di Lama, Morfasso e il Monastero della val di Tolla.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di PiacenzaSera.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.